dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 24 giugno 2010

RCA: Indennizzo diretto da rivedere per il noleggio

Aniasa lancia l'appello per un tavolo di revisione congiunto

RCA: Indennizzo diretto da rivedere per il noleggio

L'attuale impianto legislativo in tema di assicurazioni deve essere rivisto. Ne è convinta Aniasa (Associazione nazionale delle aziende di noleggio veicoli di Confindustria) che ieri, nel corso della tavola rotonda tenutasi presso l'Università Luiss di Roma ("L'indennizzo diretto, tra obiettivi di partenza e risultati conseguiti"), ha avanzato la proposta di attivare un tavolo che veda coinvolti compagnie assicuratrici, società di noleggio veicoli e istituzioni che valuti i necessari correttivi alle leggi che coprono attualmente il tema di assicurazioni che, come si legge nella nota, "a seguito dell'entrata in vigore dell'indennizzo diretto, ha visto lievitare sensibilmente il numero delle frodi e, conseguentemente, i premi assicurativi".

Uno degli aspetti maggiormente problematici riguarda, come sottolineato da Aniasa, i tempi previsti per l'eventuale controdichiarazione da parte del presunto responsabile del sinistro, pari a un massimo di 30 giorni. Un tempo non compatibile con le metodologie operative del settore del noleggio, i cui clienti solitamente consegnano la denuncia di sinistro alla società di autonoleggio solo al termine del noleggio del veicolo e nella maggior parte dei casi, si tratta di sinistri con danni di entità lieve che non impediscono la continuazione dell'utilizzo del veicolo stesso. Questo avrebbe comportato negli ultimi mesi l'aumento del numero di denunce di incidenti, "dietro le quali spesso si nascondono tentativi di frode, che vedono coinvolte vetture di proprietà delle società di noleggio", si legge nella nota.

"Questo determina che nella fase di rinnovo delle polizze RC, i premi richiesti dalle compagnie assicuratrici risultino sensibilmente aumentati (in pieno contrasto con lo spirito che muoveva l'introduzione del nuovo Codice delle Assicurazioni), non essendo possibile verificare la trasparenza e la correttezza delle denunce", spiega Aniasa, secondo cui "la repentina lievitazione del costo RCA non è sostenibile e preoccupa le società di noleggio a lungo termine che prevedono tariffe mensili bloccate mediamente per 3 anni, così come per il settore del noleggio a breve termine, per il quale un conseguente incremento delle tariffe provocherebbe l'allontanamento della clientela, specialmente turistica".

Autore:

Tag: Attualità , assicurazioni


Top