dalla Home

Test

pubblicato il 16 giugno 2010

Abarth Punto Evo: Scorpione Evoluto

Più matura, più sportiva e con 165 CV

Abarth Punto Evo: Scorpione Evoluto
Galleria fotografica - Abarth Punto EvoGalleria fotografica - Abarth Punto Evo
  • Abarth Punto Evo - anteprima 1
  • Abarth Punto Evo - anteprima 2
  • Abarth Punto Evo - anteprima 3
  • Abarth Punto Evo - anteprima 4
  • Abarth Punto Evo - anteprima 5
  • Abarth Punto Evo - anteprima 6

Stiamo procedendo nella direzione giusta. Il che potrebbe essere rischioso. Con questo tipo di layout meccanico, chiunque con un bel voto all'esame di "Storia dell'Abarth" si domanderebbe, una volta sceso dall'Abarth Punto Evo, quanto manca all'apparizione di una coupé dello Scorpione ispirata alle grandiose OT Periscopio degli Anni '60.
Con la Punto siamo all'antipasto, un ottimo antipasto. Cosa verrà in seguito? Harald Wester, numero uno di Abarth ha annunciato che presto arriverà la 500 Tributo Ferrari da 180 CV (presentata a Francoforte 2009) e nel 2011 la gamma è destinata ad allargarsi.

SPORTIVITA' PURA
Se l'Abarth 500C è un compendio di sportività elegante, l'Abarth Punto Evo intende portare la sua più marcata caratteristica verso il più puro concetto del termine. Marca 5 CV in meno rispetto alla Mito 1.4 Multiair con cui condivide lo stesso propulsore, ma intende recitare un ruolo più appariscente per effetto dell'estetica oltraggiosa. 165 CV sono un buon livello di potenza, ma, ovviamente, non sono ancora il top di quello che può esprimere. A segnare un nuovo punto di riferimento ci penserà il kit di potenziamento in arrivo verso fine anno.
La marcatura Abarth si delinea in abitacolo con alcuni particolari di indubbio effetto: la palpebra rivestita in pelle sopra la strumentazione, le numerose cuciture gialle e rosse, la leva del cambio con cuffia personalizzata, il manettino sulla consolle, la strumentazione Jaeger.
Giro di chiave e il motorino della Punto prende vita assestandosi su una tonalità bassa, che parla di "consapevolezza". Nei primi metri, ad andatura turistica, difficile trovare qualche difetto. L'abitacolo è ben insonorizzato, l'assetto è rigido ma non micragnoso, i sedili restituiscono un certo comfort. Ma ecco la prima piacevole sorpresa: prendendo confidenza con le curve della pista di Balocco ecco presentarsi uno sterzo marcatamente sportivo, preciso e ben rapportato, quello che forse si meriterebbe anche la 500. I passaggi marcia sono fluidi e senza impuntamenti, anche se va riconosciuto che la leva del cambio ha un'escursione troppo lunga. Non ci aspetteremmo di manovrare il cambio corto offerto come optional sulla Porsche 911 o la magnifica leva dell'Honda S2000 ma una manovrabilità adeguata alla circostanza sarebbe stata apprezzabile.

SI FA SUL SERIO
Dopo il primo giro condotto a velocità turistica, decidiamo di forzare, spostiamo il manettino su Sport per modificare vari parametri. E via: seconda, terza, quarta fino al rosso del contagiri e scopriamo un carattere forte e deciso. 300 metri di rettilineo in leggera discesa ci proiettano a oltre 130 poi inizia una grande frenata. Prima staccata, verso sinistra: la Punto si imprua, ma perde quasi subito velocità ancorata alle ruote anteriori. Subito un cambio di direzione verso destra e in uscita esageriamo volutamente per vedere che effetto fa l'anteriore: c'è un po' di sottosterzo, prontamente corretto. Riprendiamo a scatenare il turbo del 1.4 multiair e questo prorompe con la sua voce di stampo Abarth (ad alcuni potrebbe sembrare anche troppo sommesso). Rispetto alla 500C appena lasciata si ravvisa una migliore efficacia, ma, forse, la Punto è meno divertente della sorellina minore. Poco male: è comunque più veloce e più rapida nel salire di giri quasi ci fossero ben più di 25 cavalli a disposizione. Il rollio è contenuto, segno che l'assetto è stato tarato a puntino (20% più rigido) per le alte velocità, cosa che quest'auto sembra gradire ampiamente. La turbina maggiorata fa sentire un certo ritardo di risposta ma quando inizia a frullare nuovamente spinge con forza verso le zone calde del tachimetro. Fortunatamente l'impianto freni Brembo resiste bene alla fatica nonostante il grande sforzo cui è sottoposto. Non perde efficacia e rallenta prontamente la Punto prima di iniziare una nuova curva, affrontata con decisione appoggiandosi con forza ai larghi pneumatici per ricevere in cambio un ottimo effetto di tenuta laterale. A garantire l'elevato livello di motricità è il sistema TCC Torque Transfer Control, che, trasferendo maggiore coppia alla ruota con più aderenza, realizza un aiuto determinante nella guida sportiva per aumentare la precisione del veicolo in tutte le situazioni.

Scheda Versione

Abarth Punto Evo
Nome
Punto Evo
Anno
2010 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
3 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Test , Abarth


Top