dalla Home

Curiosità

pubblicato il 14 giugno 2010

Porsche: 40 anni di vittorie a Le Mans

16 successi assoluti e 98 di classe nell'albo d'oro di Stoccarda

Porsche: 40 anni di vittorie a Le Mans
Galleria fotografica - porsche 917K: prima vittoria a Le MansGalleria fotografica - porsche 917K: prima vittoria a Le Mans
  • porsche 917K: prima vittoria a Le Mans - anteprima 1
  • porsche 917K: prima vittoria a Le Mans - anteprima 2
  • porsche 917K: prima vittoria a Le Mans - anteprima 3
  • porsche 917K: prima vittoria a Le Mans - anteprima 4

Esattamente 40 anni fa, il 14 giugno 1970, Porsche festeggiava la sua prima vittoria assoluta alla 24 Ore di Le Mans, la più famosa gara di durata che ha visto poi la Casa di Zuffenhausen trionfare altre 15 volte. Dopo i primi timidi tentativi portati avanti dal 1951 con i modelli 356, 550, 904, 906 e 907, 908, 910 e 911, la Porsche 917K guidata dal tedesco Hans Herrmann e dall'inglese Richard Attwood è la prima delle vetture da corsa di Stoccarda a concludere in testa la massacrante classica francese dell'endurance, dopo 4.607,810 km percorsi alla media di 191,992 km/h.

Dietro questo primo successo sul Circuit de La Sarthe c'è la regia sapiente di Ferdinand Piëch, allora responsabile del settore sviluppo Porsche e attuale presidente del consiglio di controllo di Volkswagen AG. L'arma perfetta per interrompere la supremazia Ford GT40 e l'avanzata delle Ferrari 512S si chiama 917 e intende abbinare la leggerezza del telaio tubolare in alluminio con l'essenzialità della carrozzeria in pannelli di poliestere. La K utilizzata come suffisso nel nome modello indica la particolare configurazione a coda corta ("Kurzheck") sviluppata proprio nel 1970 come alternativa alla LH a coda lunga ("Langheck").

Con un peso al limite dei regolamentari 800 Kg, la 917K bianca e rossa con numero 23 è iscritta alla gara da Porsche KG Salzburg, società importatrice di Porsche in Austria la cui titolare Louise Piëch è figlia del Prof. Ferdinand Porsche e madre del giovane Ferdinand Piëch. Il motore 12 cilindri boxer di 4,5 litri di capacità è stato sviluppato appositamente per ottenere importanti risultati in gara e non viene utilizzato sulle vetture di serie: 580 CV a 8.400 giri/min sono sufficienti alla versione a coda lunga LH per avvicinarsi ai 400 km/h sul lungo rettilineo delle Hunaudières (5,8 km), oggi spezzato dall'introduzione di due chicane.

Da allora e per i successivi 40 anni la Porsche ha ottenuto un totale di 16 primi posti assoluti, concretizzatisi nuovamente con la 917 nel 1971, con una sequenza di vittorie per la 936, la 956 e la 962 (motorizzata da Hans Mezger e portata al limite da Stefan Bellof), un paio di successi per la barchetta TWR Joest-Porsche (vittoria di Michele Alboreto nel 1997) e l'ultimo oro guadagnato nel 1998 con la Porsche 911 GT1 del 1998. Oltre ad avere la supremazia per marca alla 24 di Le Mans (davanti ai nove successi di Ferrari e Audi), la Porsche vanta fino ad oggi anche il primato delle vittorie di classe, arrivato a quota 98 con il primo posto nell'edizione 2010 della 24 Ore (categoria GT2) della 911 GT3 RSR guidata da Marc Lieb, Richard Lietz e Wolf Henzler.

Galleria fotografica - Porsche alla 24 Ore di Le Mans 2010Galleria fotografica - Porsche alla 24 Ore di Le Mans 2010
  • Porsche alla 24 Ore di Le Mans 2010 - anteprima 1
  • Porsche alla 24 Ore di Le Mans 2010 - anteprima 2
  • Porsche alla 24 Ore di Le Mans 2010 - anteprima 3
  • Porsche alla 24 Ore di Le Mans 2010 - anteprima 4
  • Porsche alla 24 Ore di Le Mans 2010 - anteprima 5
  • Porsche alla 24 Ore di Le Mans 2010 - anteprima 6
Galleria fotografica - Porsche 917Galleria fotografica - Porsche 917
  • Porsche 917 - anteprima 1
  • Porsche 917 - anteprima 2
  • Porsche 917 - anteprima 3
  • Porsche 917 - anteprima 4
  • Porsche 917 - anteprima 5
  • Porsche 917 - anteprima 6

Autore:

Tag: Curiosità , Porsche , anniversari , le mans


Top