dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 13 giugno 2010

Abruzzi Spirit of Le Mans

Dedicata ai collezionisti che sognano la "24 Ore"

Abruzzi Spirit of Le Mans
Galleria fotografica - Abruzzi Spirit of Le MansGalleria fotografica - Abruzzi Spirit of Le Mans
  • Abruzzi Spirit of Le Mans - anteprima 1
  • Abruzzi Spirit of Le Mans - anteprima 2
  • Abruzzi Spirit of Le Mans - anteprima 3
  • Abruzzi Spirit of Le Mans - anteprima 4
  • Abruzzi Spirit of Le Mans - anteprima 5
  • Abruzzi Spirit of Le Mans - anteprima 6

I bambini che l'hanno vista dal vivo nel paddock della 24 Ore di Le Mans l'hanno additata come la Batmobile. Ed è difficile dargli torto osservando quella carrozzeria con sinuosità d'altri tempi la cui "modernità" progettuale è tradita dai fari a LED. E' l'Abruzzi Spirit of Le Mans, un'eccentrica fuoriserie voluta da Donald Panoz imprenditore italo-americano appassionato di automobilismo sportivo e soprattutto di 24 Ore di Le Mans. E' lui che ha fondato oltreocenano l'American Le Mans Series nel 1999 e oggi ha deciso di realizzare un nuovo sogno: costruire una sportiva ispirata all'epoca in cui a Le Mans correvano auto stradali guidate direttamente dai proprietari...

Ecco perchè la "Spirit of Le Mans" si rifà stilisticamente alle auto della Delahaye, un costruttore francese che ha chiuso i battenti nel 1954. L'impostazione neoclassica non dovrebbe penalizzare l'areodinamica che anzi viene definita estremamente curata. L'architettura meccanica prevede un motore V8 di 6,2 litri montato anteriormente e capace di almeno 600 CV scaricati a terra dalle ruote posteriori. Panoz promette una serie di innovazioni tecnologiche come il sistema REAMS che compone la scocca con materiali riciclati, ma comunque estremamente rigidi. E poi c'è un radiatore ad alto rendimento denominato TRIFECTACOOLING.

La Abruzzi sarà assemblata in 81 esemplari, un numero che onora le edizioni di 24 ore che si sono disputate dal 1923 al prossimo 2013, anno in cui questa fuoriserie sarà commercializzata ad un prezzo che non è dato sapere. Del tutto particolare sarà la modalità di consegna: i proprietari ritireranno l'auto direttamente sul circuito della 24 ore di Le Mans. Dei piloti professionisti formeranno i clienti su come guidare l'auto sul circuito Bugatti e sempre nei pressi del circuito, nei locali dell'ACO (l'Autonobil Club de l'Ouest), saranno eseguiti gli interventi di manutenzione ed eventuali riparazioni. Altra chicca è che in occasioni delle prossime 24 Ore di Le Mans, i clienti Abruzzi ospiti dell'organizzazione e parteciparanno alle parate celebrative della corsa.

Autore: Redazione

Tag: Prototipi e Concept


Top