dalla Home

Retrospettive

pubblicato il 13 giugno 2010

Fiat SB4 Eldridge "Mefistofele"

12 luglio 1924: è record con 234,97 km/h

Fiat SB4 Eldridge "Mefistofele"
Galleria fotografica - Fiat SB4 Eldridge "Mefistofele"Galleria fotografica - Fiat SB4 Eldridge "Mefistofele"
  • Fiat SB4 Eldridge \
  • Fiat SB4 Eldridge \
  • Fiat SB4 Eldridge \
  • Fiat SB4 Eldridge \
  • Fiat SB4 Eldridge \
  • Fiat SB4 Eldridge \

"Un lontano brontolio diviene rapidamente tuono: un imponente sigaro rosso avanza velocissimo, scartando violentemente da un lato all'altro della carreggiata, tra polvere sollevata dalle ruote e fiamme eruttate da uno scarico grosso come una canna d'organo; l'auto ingigantisce e rapidamente scompare ancora tra polvere e fiamme". E' così che nel 1924 un giornalista inglese descrisse la Fiat SB4 "Mefistofele". Una rappresentazione quasi "diabolica" come l'idea che ebbe l'inglese Ernest Eldridge che acquistò una Fiat SB4 del 1908 per trasformarla nella forma oggi da noi conosciuta come flamboyantes. Particolari furono anche le circostanze dell'acquisto, delle quali vale la pena far cenno.

La SB4 montava in origine un motore da 18.000 cc a quattro cilindri ospitati da due monoblocchi bicilindrici accoppiati fra loro che - si dice - il precedente proprietario, John Duff, aveva maldestramente elaborato. Il risultato, anch'esso da Guinness dei primati, fu una delle più spettacolari rotture meccaniche della storia delle corse inglesi: uno dei cilindri esplose con una violenza tale da trasformarsi in un missile che, strappatosi dal vincolo dell'albero motore, si portò a considerevole altezza sul cielo di Brooklands trascinandosi appresso il suo cilindro, qualche altra parte meccanica ed il cofano della vettura.

Per Eldridge non fu difficile convincere un John Duff verosimilmente frastornato a vendergli quanto restava della sua auto. A doverosa riabilitazione va detto che Duff contribuì - poco tempo dopo - alla vittoria della Bentley a Le Mans.

FANTASIA NO LIMITS
In quegli anni pionieristici qualsiasi idea poteva essere quella buona. Conoscenze tecniche tutto sommato limitate, temerarietà e senso della sfida formavano un cocktail che spingeva ad azzardi che l'oggi - concettualmente dominato dallo strameritorio collare Hans - renderebbe del tutto improponibili. Già in precedenza Eldridge, possessore di una Isotta Fraschini del 1907, ne aveva fatto allungare il telaio per alloggiarvi un propulsore Maybach da 20,5 litri ed ecco quindi che, sul telaio SB4 vecchio di vent'anni, il pilota inglese decise di montare un propulsore aeronautico Fiat A12 a sei cilindri in linea da 3.615 cc ciascuno per un totale di 21.700 cc.

IN OFFICINA
Naturalmente il motore era troppo lungo per il telaio originario, ma una visita ad uno sfascia carrozze londinese, permise di prelevare alcune parti del telaio di un bus che vennero integrate a quello della SB4. Dopodichè fu la volta della carrozzeria che, in effetti, con l'allungamento del telaio divenne più filante, se così si può definire un'auto dal frontale aerodinamico come un muro in contrapposizione ad una coda viceversa ben rastremata. Quanto al motore, Eldridge - un ingegnere che contribuì anni dopo ai successi delle auto da record della MG - modificò profondamente le teste montando quattro valvole per cilindro ed ottenendo così una potenza di 320 CV a 1.800 giri/minuto. Vennero mantenuti, sull'assale posteriore, tanto l'originale trasmissione a catena quanto i freni del tutto assenti all'avantreno. Sotto accellerazione ed alla minima asperità del terreno, il telaio torceva e la vettura serpeggiava vistosamente anche in rettilineo. Quanto alla tenuta degli pneumatici, Eldridge probabilmente si affidò alla sorte vista l'importanza della posta in giuoco.

LA SFIDA E IL RECORD
Route d'Orléans, Arpajon, 6 luglio 1924: protagoniste della sfida per il nuovo record mondiale di velocità sono la Delage V12 da 350 CV di René Thomas e la Fiat SB4 Ernest Eldridge. Fu in tale occasione che alla Fiat venne attribuito, dal pubblico colpito dall'aspetto e dal rumore, il soprannome di "Mefistofele". L'auto raggiunse i 230,55 km/h, ma la prestazione, dietro reclamo dell'avversario, non venne omologata in quanto la Fiat non montava, come prescritto dal regolamento, la retromarcia. Comunque, al di là del reclamo, Thomas portò il giorno dopo la sua Delage a 230,63 km/h. Il francese gustò l'omologazione del suo record per soli sei giorni: il 12 luglio 1924 Eldridge, dopo aver rivisto la messa a punto dell'auto ed averla dotata di una retromarcia esterna al cambio della quale oggi non rimane purtroppo traccia, portò il "vecchio" record sul chilometro lanciato a 234,97 km/h. Un contributo importante che non sarebbe giusto sottacere e che la dice lunga su quei tempi eroici, venne fornito dal meccanico nonché passeggero di Eldridge, tale John Ames, il quale, mentre l'auto scartava da un ciglio all'altro della strada ad oltre 230 km/h, pompava forsennatamente aria nel serbatoio della benzina, in modo da incrementarne la pressione in uscita. Si dice che Aldridge, dopo aver conseguito il suo record portò la Mefistofele a Parigi, parcheggiandola di fronte agli showrooms della Delage.

LA MEFISTOFELE IN CIFRE
Motore: anteriore 6 cilindri in linea; cilindrata 21,7 litri; alesaggio/corsa 160x180 mm.; rapporto di compressione 4,8:1; 4 valvole e due candele per cilindro; accensione tramite due magneti; 4 carburatori Fiat; lubrificazione a carter secco.
Trasmissione: a catene, sulle ruote posteriori; frizione multidisco; cambio a 4 marce e retromarcia esterna.
Freni: a pedale e a mano: meccanici sulle ruote posteriori.
Sterzo: elicoidale, vite senza fine.
Telaio: a longheroni stampati e sagomati in acciaio; traverse e supporti imbullonati e/o chiodati.
Sospensioni: ad assali rigidi, balestre ed ammortizzatori meccanici; puntoni di reazione al ponte posteriore.
Pneumatici: 6.00-21; 33x6.
Dimensioni (ml) e pesi (kg): L-l-h: 5,091-1,850-1,400; passo: 3,450; carreggiata ant/post.: 1,480/1,390; peso: 1.780.

FIAT 200 HP SB4
Nel ricordare infine che la Fiat Eldridge Mefistofele fa oggi parte della collezione Fiat (è conservata nel Centro Storico Fiat di Torino), non si può non accennare all'auto dalla quale è stata direttamente derivata: la FIAT 200 HP SB4 del 1908. Ricorsi storici, caso o destino già scritto, ciascuno tragga le proprie conclusioni: questa vettura vinse, contro la Napier, una sfida (sempre per il record di velocità) l'8 giugno 1908 (sempre a Brooklands, pista che la vide esplodere 14 anni più tardi). La SB4, che fece registrare la ragguardevole media di 192 km/h condotta da Felice Nazzaro, era dotata di un quattro cilindri da oltre 18 litri di cilindrata e 175 CV a 1.200 giri/minuto; pesava a vuoto 1.000 kg ed era lunga solamente 3,56 metri.

BLOODHOUND: UN NUOVO RECORD?
Atmosfere lontane anni luce dal 2011, anno nel corso del quale Andy Green inizierà, budget permettendo, i collaudi del Bloodhound, un missile con le ruote da 135.000 CV e 1.600 km/h teorici, con il quale tenterà di battere il suo stesso precedente record di velocità su terra di 1.227,99 km/h detenuto dal 1997.

Autore: Giovanni Notaro

Tag: Retrospettive , Fiat , auto storiche , record


Top