dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 11 giugno 2010

Christian e Brando De Sica, "Sulla buona strada"

Ancora celebrità nella campagna istituzionale per la sicurezza stradale

Christian e Brando De Sica, "Sulla buona strada"
Galleria fotografica - La presentazione di "Sulla buona strada" 2010Galleria fotografica - La presentazione di "Sulla buona strada" 2010
  • La presentazione di \
  • La presentazione di \
  • La presentazione di \
  • La presentazione di \
  • La presentazione di \
  • La presentazione di \

Christian De Sica è al volante di un'auto che "schiva una vecchia". E' la scena iniziale di uno spot condito con la nota comicità dell'attore romano che però richiama subito l'attenzione su un tema molto importante: la sicurezza stradale. De Sica lo dice chiaro e tondo: "Quando guido, io non scherzo". E proprio questo è il claim dell'edizione 2010 della campagna istituzionale promossa dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dall'emblematico titolo "Sulla buona strada".

Anche quest'anno sono stati convocati a titolo gratuito molti volti noti del mondo dello spettacolo e dello sport e dietro la regia dello spot con Christian De Sica e di alcuni altri c'è il figlio Brando. La campagna, in cui sono protagonisti anche Linus di radio Deejay e i campioni nazionali di Pallavolo, è stata presentata ieri a Roma dal ministro Altero Matteoli, che ha ricordato come in Italia dal 2001 il numero di incidenti stradali è costantemente diminuito, fino ad arrivare l'anno scorso a un -33%, ma "entro il 2010 puntiamo a portare questa diminuzione percentuale al 40% - ha detto -. E questo si può fare solo con il concorso di tutti".

In Italia nel 2008 gli incidenti stradali sono stati 218.963 ed hanno causato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di euro, il 2% del Pil nazionale. Mediamente i morti per incidenti stradali sono circa dieci volte più numerosi delle vittime sul lavoro, dieci volte più numerosi dei morti per atti delittuosi, oltre 100 volte maggiori di quelli avvenuti con altri mezzi di trasporto (nave, treno, aereo). Gli incidenti stradali, che sono la prima causa di morte nella fascia di età fino a 40 anni e la prima causa di morte traumatica in assoluto, per la maggior parte (93%) sono imputabili al comportamento scorretto del conducente, in primo luogo il non rispetto della precedenza, la guida distratta, la velocità eccessiva. Per questo la campagna istituzionale mette l'accento sui comportamenti che risultano più a rischio: uso del cellulare alla guida, mancato utilizzo delle cinture, alta velocità e guida sotto l'effetto di alcol o droga.

[ Foto: Alessandro Para ]

Christian De Sica nello spot "Sulla buona strada"

Christian De Sica è al volante di un'auto che "schiva una vecchia". Così comincia lo spot per la campagna istituzionale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti "Sulla buona strada".

Autore:

Tag: Curiosità , sicurezza stradale


Top