dalla Home

Novità

pubblicato il 9 settembre 2010

Nuova Suzuki Swift

Rivoluzione nascosta per la piccola giapponese, più lunga e dotata. Da 9.490 €

Nuova Suzuki Swift
Galleria fotografica - Nuova Suzuki SwiftGalleria fotografica - Nuova Suzuki Swift
  • Nuova Suzuki Swift - anteprima 1
  • Nuova Suzuki Swift - anteprima 2
  • Nuova Suzuki Swift - anteprima 3
  • Nuova Suzuki Swift - anteprima 4
  • Nuova Suzuki Swift - anteprima 5
  • Nuova Suzuki Swift - anteprima 6

Auto nuova e nessuno stravolgimento di stile. Questo è stato l'imperativo dei tecnici e designer giapponesi nello sviluppo della nuova Suzuki Swift, quarta generazione dell'apprezzata compatta giapponese. Al debutto anche sul mercato italiano, la piccola Swift si presenta con il noto aspetto dinamico e originale che tanta fortuna ha portato alla terza serie del 2005. Quello che stupisce nella nuova Suzuki Swift è proprio questa capacità di trasformarsi in qualcosa di più e di diverso allungando il pianale, offrendo più spazio per i passeggeri e rivedendo profondamente qualità e quantità degli equipaggiamenti. Anche il prezzo base di lancio, fissato in 9.490 euro (con rottamazione) per la Swift 1.2 L, vuole confermare un posizionamento di mercato orientato alla convenienza e alla praticità di utilizzo.

SOTTILI DIFFERENZE DI STILE
Quella che può sembrare una scelta di stile conservatrice nei confronti dell'attuale modello è in realtà un indirizzo di continuità formale dovuto allo sviluppo di design avviato qualche anno fa, nella fase di maggior successo della Swift. A dispetto delle apparenze la nuova Suzuki Swift si differenzia in maniera sensibile dal modello uscente, come dimostrano i 9 cm in più di lunghezza che portano la quota complessiva a 385 cm. Esternamente le differenze principali si possono riassumere nella sagoma ad U dell'insieme calandra/paraurti anteriore, nell'ancora più marcata definizione della "spalla" laterale e della linea di cintura a cuneo. Non meno importante è l'irrobustimento del montante posteriore e la ripetizione della U in coda.
Grandi novità nell'abitacolo, dove all'adozione di materiali e plastiche di qualità superiore è stato aggiunto il tocco di finiture argentate, la disposizione dei comandi audio-telefonici al volante e l'aggiunta di numerosi e pratici vani portaoggetti. Al centro della strumentazione appare ora un nuovo display multifunzione.

CONSUMI ED EMISSIONI RIDOTTE
La strategia di rinnovamento impostato dalla Casa nipponica nella definizione della nuova Suzuki Swift ha preso come punti cardine imprescindibili l'adozione di una meccanica all'altezza delle aspettative di mercato, con una scelta fra carrozzeria 3 o 5 porte, trazione anteriore o integrale permanente, motore benzina o diesel (tutti Euro 5) che permette un'ampia possibilità di personalizzazione. Il propulsore a benzina 1.2 VVTI sviluppa 94 CV (75 CV/l), è dotato di doppia fasatura variabile e disponibile anche con sistema start&stop, arriva a consumare mediamente 4,9 l/100 km ed emettere 113 g/km di CO2, un valore che la pone al vertice della categoria. Il diesel 1.3 DDiS esprime una potenza massima di 75 CV, una coppia di 190 Nm, è dotato di filtro DPF, consuma nel ciclo combinato solo 4,2 litri di gasolio ogni 100 km ed emette mediamente 109 g/km di anidride carbonica.
Su tutte le versioni il cambio è il classico manuale a 5 marce, mentre il 1.2 benzina può essere abbinato ad un automatico 4 marce con convertitore di coppia e sistema Hill Hold. La trazione integrale AWD con giunto viscoso è disponibile sempre sulla 1.2 e offre un'opzione piuttosto rara in questo segmento e interessante per chi ha particolari esigenze di mobilità su strade sterrate o in inverno.

PRIMO CONTATTO
Il lavoro di aggiornamento estetico effettuato sulla nuova Suzuki Swift appare ben riuscito già ad una prima occhiata, lasciando nell'osservatore la netta impressione di trovarsi di fronte ad una vettura nuova e moderna. Questa prima sensazione viene subito confermata dall'aspetto gradevole e accogliente degli interni, rivisti in maniera razionale ed ergonomica. Plancia, console centrale e pannelli porta sono realizzati con plastiche dalla finitura "alla giapponese", ovvero impeccabili e robuste, ma senza particolari voli di fantasia. La soglia d'ingresso è ottima davanti e un po' più bassa per i sedili posteriori, ma una volta a bordo si può godere di ampio spazio in larghezza, in altezza e per le gambe.
La guida della nuova Suzuki Swift è facile e rassicurante, come se la si conoscesse da sempre. Cambio di facile manovrabilità, sterzo reattivo e di rapido riallineamento, assetto sincero e dall'appoggio sicuro sono alcuni degli ingredienti che fanno apprezzare il viaggio sulla rinnovata compatta nipponica. L'insonorizzazione è di buon livello e anche la climatizzazione si riesce a regolare con sufficiente precisione. Il motore 1.2 VVTI è perfetto per la guida cittadina, con un brio inaspettato che emerge non appena si sale un po' di giri; anche in autostrada il piccolo 4 cilindri è in grado di dare uno spunto interessante alla Swift, niente affatto intimorita dai lunghi viaggi. Il 1.3 DDiS offre invece il vantaggio di una buona coppia disponibile già da bassi regimi e pare molto indicato per chi percorre tragitti più lunghi, soprattutto interurbani, e non vuole rinunciare al piacere di guida pur risparmiando ulteriormente sui consumi.

E' BEN DOTATA
La nuova Suzuki Swift è disponibile nell'allestimento base L e nel più completo allestimento GL che può a sua volta essere arricchito con i pacchetti Style e Top. La versione L è già dotata di serie di climatizzatore manuale, vetri elettrici anteriori, volante regolabile in altezza, ESC e TCS, mentre la GL offre in più chiusura centralizzata con telecomando, sedile di guida regolabile in altezza, retrovisori regolabili elettricamente e impianto audio con CD MP3 e ingresso USB. Con il pacchetto GL Style si hanno in più i vetri elettrici posteriori sulla 5 porte, cerchi in lega da 16", fendinebbia, comandi al volante e vetri oscurati. La Suzuki Swift GL Top vanta l'aggiunta di sistema keyless push start, climatizzatore automatico, Bluetooth, regolatore di velocità e accensione automatica dei fari.

QUANTO COSTA
Il prezzo base della nuova Suzuki Swift è rappresentato dagli 11.690 euro della Swift 1.2 VVT L 3p, cifra che in fase di lancio (fino alla fine del 2010) scende a 9.490 euro con rottamazione. La più economica delle diesel è invece la Swift 1.3 DDiS GL 3p, venduta a 14.290 euro, mentre la versione centrale del listino è rappresentata dalla Swift 1.2 VVT GL 5p, con un prezzo di 13.490 euro. La trasmissione automatica ha un prezzo aggiuntivo di 1.000 euro, così come la trazione integrale 4WD e la versione dotata di start&stop, mentre la vernice metallizzata costa 400 euro. Dal vasto catalogo accessori è poi possibile scegliere una bella varietà di cerchi in lega speciali, spoiler, pedaliera in alluminio e finiture interne per completare la personalizzazione.

Scegli Versione

Autore:

Tag: Novità , Suzuki , produzione


Top