dalla Home

Curiosità

pubblicato il 10 giugno 2010

AMG al World Ducati Week 2010 col Rote Sau!

La prima AMG 6.3, la rossa tedesca sul Pianeta Rosso

AMG al World Ducati Week 2010 col Rote Sau!
Galleria fotografica - Mercedes-AMG 300 SEL "Rote Sau" al WDW 2010Galleria fotografica - Mercedes-AMG 300 SEL "Rote Sau" al WDW 2010
  • Mercedes-AMG 300 SEL \
  • Mercedes-AMG 300 SEL \
  • Mercedes-AMG 300 SEL \
  • Mercedes-AMG 300 SEL \
  • Mercedes-AMG 300 SEL \
  • Mercedes-AMG 300 SEL \

Reduce dalle recenti celebrazioni sulla pista di Spa-Francorchamps a fianco della discendente diretta S63 AMG "Trentacinque", la poderosa Mercedes 300 SEL 6.8 AMG "Rote Sau" ha portato la sua rossa e imponente sagoma sull'asfalto del circuito di Misano Adriatico, proprio in occasione del World Ducati Week 2010 di cui è main sponsor proprio la AMG.

La berlina che nel 1971 che ha dato il via alla gloriosa carriera del tuner di Affalterbach fa quindi una delle sue rare apparizioni sul territorio italiano, per la precisione sulla pista del Santa Monica che, dal 1998, vede riunirsi la comunità di appassionati Ducati di tutto il mondo.

La prima e una delle più famose AMG da competizione, nota anche con il nome "Rote Sau" (a voi la traduzione dal tedesco!) per via della sua verniciatura di colore vermiglio e per la stazza non certo ridotta da berlina di rappresentanza a 4 porte, viene ricordata soprattutto per il bel risultato ottenuto al debutto nella 24 Ore di Spa del 1971, dove è arrivata prima di classe e seconda assoluta con l'equipaggio Hans Heyer/Clemens Schickentanz.

Basata sulla comoda e sportiveggiante 300 SL 6.3 che solo due anni prima aveva suscitato l'interesse degli appassionati con le sue sospensioni pneumatiche e il motore V8 della 600 Pullman, la "Rote Sau" è un'auto di 6,8 litri, 398 CV e 1.635 kg di peso che corre nel campionato europeo turismo, capace di spingersi a 285 km/h e di dimostrarsi più veloce di tutte le avversarie. Il sostegno "discreto" di Mercedes si limita alla fornitura di qualche componente ultraleggero preso dal laboratorio viaggiante C111 e la carriera della AMG 300 SL 6.8 si esaurisce con un ottavo posto nella classifica generale del 1971, grazie anche al quinto posto al Paul Ricard dell'equipaggio José Dolhem/Klaus Behrmann/Jean-Pierre Jabouille su un esemplare speciale AMG-Klaus Behrmann. Il regolamento della stagione 1972 che limita la partecipazione alla cilindrata di 5 litri chiude definitivamente il capitolo "Rote Sau".

Autore:

Tag: Curiosità , Mercedes-Benz , auto storiche


Top