dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 8 giugno 2010

Rc Auto: è allarme evasione

Aumentano le frodi, diminuiscono gli assicurati

Rc Auto: è allarme evasione

Automobilisti non assicurati, contrassegni falsi e compagnie assicurative inventate. C'è anche questo nel panorama attuale del settore Rc Auto secondo il presidente dell'Isvap Giancarlo Giannini che, nella sua relazione annuale, ne ha lanciato l'allarme, segnalando il sempre maggiore ricorso al fondo vittime della strada da parte di cittadini incorsi in incidenti con auto non assicurate (oltre 21.000 nel 2009, mentre nel 2002 erano 11.500) o con terzi poi fuggiti.

E sul fronte premi il quadro non è migliore. Nel nostro Paese i premi assicurativi della Rc Auto sono doppi rispetto a Germania, Francia e Spagna e per Giannini, che parla del settore Rc Auto come del "tallone d'Achille dell'intero sistema" assicurativo italiano, occorre notare che da aprile 2009 ad aprile 2010 sono aumentate a due cifre le tariffe medie ponderate relative a tutte le tipologie di assicurati sotto osservazione. "La valutazione dell'Autorità sugli aumenti tariffari è nota - ha detto - e non può che essere ribadita: non è la risposta corretta, è solo la leva più immediata e a più rapido effetto in un mercato in cui il cittadino è obbligato ad assicurarsi".

TANTE LE "INEFFICIENZE"
Le "inefficienze alle quali occorre porre rimedio" sono poi anche altre. "Nell'ultimo quinquennio la presenza degli uffici di liquidazione dei sinistri sul territorio è diminuita del 30%; il rapporto tra reclami e sinistri è peggiorato sul territorio del 77%; l'importo delle sanzioni è cresciuto del 40%; il rapporto sinistri per dipendente continua ad evidenziare valori quasi doppi rispetto alla media nazionale nelle regioni del meridione, nelle quali aggiore dovrebbe essere il presidio".

NUOVI ORIZZONTI PER L'RC AUTO
Secondo Giannini "è arrivato il momento di agire". Nel futuro dell'Rc Auto ci dovrebbe essere: la tabellazione del danno biologico per le lesioni più gravi, l'abolizione del tacito rinnovo e la conferma della esclusività della procedura di risarcimento diretto. Inoltre, per combattere il fenomeno dei falsi contrassegni in circolazione, l'Isvap sta collaborando con le istituzioni competenti per arrivare alla produzione di contrassegni che siano difficili da falsificare, come accade per la carta moneta. "Il progetto - ha detto Giannini - è in fase avanzata".

Autore:

Tag: Attualità , assicurazioni


Top