dalla Home

Home » Argomenti » Incentivi auto

pubblicato il 31 maggio 2010

Niente incentivi: "Un'opportunità per il mercato"

Così Tartaglione, presidente Volkswagen Group Italia

Niente incentivi: "Un'opportunità per il mercato"

Un mercato dell'auto senza incentivi "può rappresentare un'importante opportunità". Ne è convinto Giuseppe Tartaglione, presidente di Volkswagen Group Italia, che per spiegare meglio la sua opinione in merito alle immatricolazioni (in crisi nel 2009, risollevate dagli incentivi nello stesso anno ed ora di nuovo in calo) utilizza un singolare paragone: quello con il Natale. In questo periodo dell'anno, dice il presidente in un'intervista al quotidiano Il Giornale, "si mangiano tanti panettoni e il mese successivo meno, ma ciò non vuol dire che si deve per forza morire di fame. È tutta questione di programmazione, alla luce di vendite prima elevate e poi più basse". Insomma, "c'è il periodo delle cicale e quello delle formiche" e Volkwagen Italia vuole "restare tra le formiche".

La scelta del governo di "premiare con i bonus all'acquisto i vari prodotti virtuosi di utilizzo comune", come gli elettrodomestici, e non l'automobile è premiata da tartaglione, "perché puntando ancora una volta sulle automobili il nostro settore sarebbe stato considerato privilegiato e quindi ulteriormente demonizzato". Gli incentivi, secondo Tartaglione, "non risolvono il problema, ma lo spostano. E così il problema diventa sempre più grave perché, intanto, si è perso del tempo prezioso ritenendo a torto di stare bene grazie a quegli aiuti. Le crisi sono un'opportunità, consentono cioè di ristrutturare un'azienda allo scopo di uscirne bene e con maggiore foza".

E, mentre Federaicpa (ora Federauto) rimprovera il governo sulle modalità di spesa giudicando gli incentivi 2009 praticamente inutili ed altri esponenti del mondo dell'auto non sono d'accordo con una politica yo-yo, il numero uno di Volkswagen Italia parla di un mercato che non sta tanto male. "Non lo ritengo completamente un momentaccio - dice Tartaglione -, un mercato da due milioni di vetture non può essere in quella grande crisi di cui si continua parlare". Quello che serve quindi è, secondo lui, "restare competitivi. Solo rispettando le regole della competizione e, quindi, investendo soprattutto con coraggio si può uscire da questa situazione". E, rispetto ai "colleghi", "penso che ognuno sarà in grado di affrontare le difficoltà. Non mi attendo rese - dice Tartaglione - Anzi, sono certo che diventeranno più aggressivi".

Autore:

Tag: Mercato , Volkswagen , incentivi


Top