dalla Home

Mercato

pubblicato il 31 maggio 2010

Auto elettrica: 10.000 $ di incentivo negli USA

E' la politica di Obama per l'indipendenza dal petrolio

Auto elettrica: 10.000 $ di incentivo negli USA
Galleria fotografica - Chevrolet Volt 2010Galleria fotografica - Chevrolet Volt 2010
  • Chevrolet Volt 2010 - anteprima 1
  • Chevrolet Volt 2010 - anteprima 2
  • Chevrolet Volt 2010 - anteprima 3
  • Chevrolet Volt 2010 - anteprima 4
  • Chevrolet Volt 2010 - anteprima 5
  • Chevrolet Volt 2010 - anteprima 6

Barack Obama mantiene la parola. Quando due anni fa era solo un candidato alla Casa Bianca illustrava a Lansing (Michigan), cuore dell'industria automobilistica americana, un piano energetico per mettere fine entro 10 anni alla dipendenza dall'oro nero proveniente dal Medio Oriente e il Venezuela, ed ora che è Presidente degli Stati Uniti mette d'accordo Democratici e Repubblicani con il tema dell'auto elettrica.

L'obiettivo politico comune è l'indipendenza energetica e, proprio adesso che la marea nera nel Golfo del Messico spaventa l'America, il Senato ha dichiarato l'intenzione di aumentare le agevolazioni fiscali per l'acquisto di auto a impatto zero.

10.000 DOLLARI DI BONUS STATALE
La proposta di legge, illustrata dal quotidiano Detroit News (entrato in possesso di una copia del documento lungo più di 40 pagine), prevede l'incremento delle agevolazioni fiscali a disposizione degli acquirenti di auto elettriche fino a 10.000 dollari (circa 8.000 euro). Una cifra su cui sono tutti d'accordo, sebbene lo stanziamento complessivo da concedere ai contribuenti americani resti un nodo da sciogliere. Il Congresso vorrebbe una manovra da 6,6 miliardi di dollari per arrivare in poco tempo a 700.000 auto elettriche incentivate e a diversi punti di ricarica. Il Senato, invece, alzerebbe la cifra a 10 miliardi di dollari.

PER I COSTRUTTORI 10 MILIONI DI DOLLARI IN PALIO
Sul fronte costruttori il Senato vorrebbe istituire un premio da 10 milioni di dollari per la prima azienda che riuscirà a costruire un'auto elettrica con un'autonomia di 800 chilometri. Scontate le reazioni positive dei colossi dell'auto americana. "Apprezziamo molto la lungimiranza del Parlamento per questo settore, soprattutto a pochi mesi dalla presentazione della Chevrolet Volt - ha detto Greg Martin per conto di General Motors -. Con tempismo perfetto per permetterci di lavorare su nuove tecnologie per rendere sempre più conveniente l'acquisto di una emissioni zero". Oltre alla Volt, che arriverà in listino negli USA a Novembre, arriverà presto anche la Nissan Leaf.

IL CALENDARIO DELL'AUTO ELETTRICA IN LISTINO
A questo proposito, mentre in Italia si è già cominciato a parlare di incentivi all'auto elettrica (quando i bonus per l'acquisto di auto nuove non sono stati rinnovati per il 2010), vale la pena ricordare i piani dei costruttori. Mentre a Roma è partito il progetto sperimentale di smart ED (sulle nostre strade in 100 unità), nei listini 2010 entreranno a breve la Nissan Leaf, Citroen C-zero e Peugeot iOn. Nel 2011 arriveranno la Opel Ampera (sorella della Volt), la Mitsubishi i-Miev, la Renault Fluence ZE, Kangoo Express ZE, Twizy ZE e BMW Serie 1; nel 2112 sarà la volta di Fiat 500 elettrica, Renault Zoe ZE, smart ED, Mercedes Classe A e Ford Focus e nel 2013 di Volkswagen Golf e E-Up.

Galleria fotografica - Nissan LeafGalleria fotografica - Nissan Leaf
  • Nissan Leaf - anteprima 1
  • Nissan Leaf - anteprima 2
  • Nissan Leaf - anteprima 3
  • Nissan Leaf - anteprima 4
  • Nissan Leaf - anteprima 5
  • Nissan Leaf - anteprima 6
Galleria fotografica - Opel AmperaGalleria fotografica - Opel Ampera
  • Opel Ampera - anteprima 1
  • Opel Ampera - anteprima 2
  • Opel Ampera - anteprima 3
  • Opel Ampera - anteprima 4
  • Opel Ampera - anteprima 5
  • Opel Ampera - anteprima 6

Autore:

Tag: Mercato , auto elettrica


Top