dalla Home

Mercato

pubblicato il 28 maggio 2010

Mercato auto: a maggio -30% di ordini

Per Federaicpa sono a rischio 45mila posti di lavoro tra dealer e indotto

Mercato auto: a maggio -30% di ordini

Per il mercato dell'auto è ricominciata la discesa. Dopo i mesi di tregua regalati dai bonus statali, ad aprile (il primo mese senza effetto incentivi) si è tornati ai minimi storici e per maggio si stima già un calo degli ordini del 30%, "con i marchi che vanno a velocità diverse. Il segmento premium è addirittura in crescita perché l'anno scorso non ha beneficiato degli incentivi", ha spiegato a Radiocor Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federaicpa, l'Associazione dei concessionari in Italia, parlando a margine dell''Automotive Dealer Day in corso a Verona.

Per il direttore Generale Unrae, Gianni Filipponi, "anche maggio vedrà numeri che, proiettati su base annua, saranno simili a quelli dei mesi scorsi con un calo di circa il 15% delle immatricolazioni e una flessione superiore degli ordini. Questa settimana è comunque la prima che sento dire che c'è un po' di ripresa". Tuttavia sulle immatricolazioni Pavan Bernacchi ha osservato che in aprile quelle ai privati, che "non sono inquinate dai km zero, sono calate del 29% (-15,6% il mercato). Sicuramente il calo sarà a due cifre a maggio, ma bisogna monitorare i km zero, pari a diverse migliaia di macchine", ha concluso, ricordando che sono a rischio 45mila posti di lavoro tra dealer e indotto.

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni


Top