dalla Home

Curiosità

pubblicato il 26 maggio 2010

Renault Vel Satis: addio a Cannes

Per l'ammiraglia incompresa ultimi chilometri sulla Croisette

Renault Vel Satis: addio a Cannes
Galleria fotografica - Renault al Festival di Cannes 2010Galleria fotografica - Renault al Festival di Cannes 2010
  • Renault al Festival di Cannes 2010 - anteprima 1
  • Renault al Festival di Cannes 2010 - anteprima 2
  • Renault al Festival di Cannes 2010 - anteprima 3
  • Renault al Festival di Cannes 2010 - anteprima 4
  • Renault al Festival di Cannes 2010 - anteprima 5
  • Renault al Festival di Cannes 2010 - anteprima 6

La Francia automobilistica è sempre stata una fucina di progetti innovativi, di rottura. Alcuni sono stati vincenti, altri... flop su tutti i fronti. Nel caso di Renault alla prima categoria appartengono sicuramente la 4, la 5, la Clio, la Twingo (prima serie) e l'Espace, ma al grande successo di queste vetture la Régie negli ultimi anni ha dovuto pagare una sorta di contrappasso con la storia sfortunata della Vel Satis.

AMMIRAGLIA SULLA CROISETTE
Nata nel 2002 e prodotta fino agli ultimi mesi del 2009 (con un restyling nel 2005), l'ammiraglia che voleva coniugare nelle intenzioni dei transalpini i concetti "Velocity" e "Satisfaction" è stata, onestamente, un disastro commerciale: appena 62.201 esemplari prodotti fra il 2001 e il 2009, nonostante le dotazioni lussuose e il comfort assoluto (il parere della stampa specializzata all'epoca fu unanime). Prova ne è che è stata l'auto che ha scarrozzato star e registi al Festival del Cinema di Cannes per ben nove anni, dal 2002 al 2010, e figura da anni nel parco vetture del Presidente della Repubblica francese.

COETANEA DELL'AVANTIME
Il suo problema più grosso è stato il look difficile da digerire, soprattutto nel confronto con le austere concorrenti tedesche, nato negli anni in cui le matite di Patrick le Quément disegnavano un altro progetto fortemente anticonformista come la Renault Avantime. E siccome un businessman difficilmente ha ambizioni esibizionistiche, la "due volumi e mezzo" Vel Satis è rimasta confinata ai (pochi) clienti che hanno avuto abbastanza sfrontatezza (o strafottenza...), ma anche abbastanza raziocinio, per assicurarsi un'auto dal design forse discutibile, ma di qualità e comodità ineccepibile.

L'EREDE SARA'... COREANA
Assai poco gloriosamente, il posto dell'ammiraglia nello stabilimento di Sandouville (che a causa della crisi l'anno scorso ha perduto oltre 1.300 lavoratori) potrebbe essere preso dal 2012 da un veicolo commerciale. A Boulogne però non demordono e pensano che per la Losanga ci sia ancora spazio nel segmento delle ammiraglie. La prossima portabandiera sarà però realizzata insieme alla consociata coreana Samsung, che già ha in gamma una berlina di fascia alta che si chiama Safrane, proprio come la progenitrice della Vel Satis, e che potrebbe essere sfruttata per la futura ammiraglia. Andrà meglio?

Galleria fotografica - Renault Vel Satis 2005Galleria fotografica - Renault Vel Satis 2005
  • Renault Vel Satis - anteprima 1
  • Renault Vel Satis - anteprima 2
  • Renault Vel Satis - anteprima 3
  • Renault Vel Satis - anteprima 4
  • Renault Vel Satis - anteprima 5
  • Renault Vel Satis - anteprima 6

Renault Vel Satis: ultimi chilometri a Cannes

L'ultima apparizione della Renault Vel Satis al Festival di Cannes 2010

Autore:

Tag: Curiosità , Renault , cinema , VIP , dall'estero


Top