dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 26 maggio 2010

Polizie locali: sì ad Autovelox visibili e tasso alcolemico zero

Bocciata la norma che punisce chi insozza le strade

Polizie locali: sì ad Autovelox visibili e tasso alcolemico zero

Le Polizie locali promuovono la segnalazione degli autovelox, le sanzioni più severe per le infrazioni notturne e il tasso alcolemico pari a zero per alcune categorie di conducenti. Il personale si dichiara favorevole a tutte le misure necessarie a potenziare i livelli di sicurezza stradale e sociale in ambito urbano e boccia quei provvedimenti di difficile applicazione per complessità organizzative, come le ronde, la nuova configurazione del reato di immigrazione clandestina e le disposizioni per il decoro urbano contenute nel "pacchetto sicurezza" del 2009.

Riguardo alle modifiche al Codice della Strada, come emerge da un'indagine realizzata su un campione di 1.244 Comandi di Polizia Locale di tutta Italia, l'incremento delle sanzioni per le violazioni notturne è giudicato favorevolmente dal 58% degli intervistati. Il 21% ritiene invece che creerebbe disparità di trattamento fra chi viola la stessa norma in orari diversi e il restante 21% pensa che produrrebbe solamente un aumento dei costi della burocrazia. La questione centrale resta comunque la certezza della pena.

C'è poi un 64% degli operatori delle Polizie Locali - come si evince dallo studio della Fondazione ACI Filippo Caracciolo,"Polizia Locale e Sicurezza, la stagione delle riforme" presentato al terzo Forum Internazionale delle Polizie Locali a Riva del Garda (TN) - è contrario alla norma che punisce chi insozza le strade, a causa soprattutto delle difficoltà di applicazione. Un intervistato su tre (33%) ritiene tuttavia che tale provvedimento intervenga a colmare un vuoto normativo.

Sugli autovelox, l'obbligo di segnalarli ha prodotto una riduzione degli illeciti nel 53% dei Comuni interpellati dalla Fondazione ACI Filippo Caracciolo. Malgrado 47 comandi su 100 ritengano che la norma vanifichi ogni possibilità di controllo della velocità, il 44% degli operatori pensa invece che privilegi la prevenzione ed eviti impieghi distorti delle apparecchiature elettroniche. I migliori risultati nella riduzione degli incidenti si sono registrati al sud (-23,7%), poi nelle isole (-17,9%) e al centro (-15,9%). Modesti, invece, i risultati di nord ovest (-7,5%) e nord est (-5,6%). Sotto il profilo della diminuzione degli illeciti, i risultati migliori si sono conseguiti nei comuni di media dimensione (-50%), poi nei piccoli (-36,9%) e nei grandi (-35,1%). Per aree geografiche, le riduzioni più significative sono state quelle del nord est (-59,8%), seguito da nord ovest (-46,7%), centro (-36,6%), isole (28,4%) e sud (-17,5%).

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale , aci


Top