dalla Home

Curiosità

pubblicato il 19 maggio 2010

La tecnologia di Prodrive dal WRC all’esercito

Il differenziale elettronico delle Impreza WRC arriva sui veicoli militari britannici

La tecnologia di Prodrive dal WRC all’esercito

Si potrebbe dire "del motorsport non si butta via niente...". Se Williams ha trasformato il suo kers inerziale in una tecnologia che potrebbe arrivare sulle auto di serie (ce l'ha già la Porsche 911 GT3 R Hybrid, ma vi collaborano anche Jaguar e Land Rover) la britannica Prodrive ha trasferito sui veicoli militari il sistema di trasmissione Active Torque Dynamics (ATD) impiegato fino a qualche anno fa sulla Subaru Impreza WRC che disputava il Mondiale Rally.

Si tratta di una sorta di differenziale elettronico che attraverso una centralina elettronica ripartisce la coppia su ogni singola ruota, ottimizzando la trazione e dunque la stabilità. nel Mondiale, racconta il responsabile delle trasmissioni di Prodrive David Leleu, "era un'arma segreta tremendamente efficace", perché "consente al conducente di concentrarsi esclusivamente sulla velocità e sulla direzione del mezzo. Basta girare lo sterzo e il veicolo, a meno che non si sia troppo arditi, va esattamente in quella direzione".

Perché dunque impiegare questo dispositivo sui veicoli militari? Perché spesso soldati senza particolari abilità nella guida in fuoristrada si trovano a dover guidare ad alta velocità su terreni parecchio accidentati, con conseguenze a volte disastrose, mentre l'ATD di Prodrive riesce a sopperire alle loro lacune.

Autore:

Tag: Curiosità , Subaru , rally


Top