dalla Home

Mercato

pubblicato il 14 maggio 2010

Volkswagen si fa i DSG in Cina

Dopo Kassel aperto a Dalian il secondo stabilimento per i cambi a doppia frizione

Volkswagen si fa i DSG in Cina
Galleria fotografica - Volkswagen New Bora e Lavida a PechinoGalleria fotografica - Volkswagen New Bora e Lavida a Pechino
  • Volkswagen New Bora e Lavida a Pechino - anteprima 1
  • Volkswagen New Bora e Lavida a Pechino - anteprima 2
  • Volkswagen New Bora e Lavida a Pechino - anteprima 3
  • Volkswagen New Bora e Lavida a Pechino - anteprima 4
  • Volkswagen New Bora e Lavida a Pechino - anteprima 5
  • Volkswagen New Bora e Lavida a Pechino - anteprima 6

Volkswagen farà i propri cambi DSG anche in Cina. Presso lo stabilimento della Volkswagen Automatic Transmission Co. Ltd. di Dalian ha infatti già iniziato la produzione dei cambi a doppia frizione destinati alle vetture per il mercato locale dove - lo ricordiamo - il gruppo di Wolfsburg domina con oltre 1,4 milioni di auto vendute nel 2009 e tassi di crescita ancora esaltanti.

La partenza del nuovo stabilimento risponde a tre criteri strategici. Il primo riguarda i consumi con l'obiettivo di ridurli del 20% a livello di flotta per la fine del 2010 insieme ai motori TSI turbo e iniezione diretta e consolidarsi come il costruttore leader per il rispetto dell'ambiente. Il secondo è di tipo regionale visto che quello di Dalian, dove l'investimento è stato di 4 miliardi di Yuan (circa 400 milioni di euro), è il secondo sito dopo quello storico di Kassel a sfornare cambi a doppia frizione e questo la dice lunga su quanto quell'area sia diventata importante per Wolfsburg.

Il terzo è di tipo industriale visto che in Cina saranno prodotti 300mila cambi DSG a 7 rapporti all'anno con l'obiettivo di raddoppiare i volumi entro il 2012 e supportare così i piani di espansione sul mercato cinese per il quale il gruppo tedesco ha stanziato complessivamente l'equivalente di 6 miliardi di euro. Tra i piani rientra anche la produzione di un auto elettriche dal 2013, una tra queste derivata dalla Lavida, berlina tre volumi riservata al mercato cinese.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato , Volkswagen , cina


Top