dalla Home

Attualità

pubblicato il 12 maggio 2010

Brunetta: "Car sharing per le auto blu"

Dal ministro una direttiva per tagliare del 50% la spesa pubblica

Brunetta: "Car sharing per le auto blu"

Il car sharing (o auto condivisa) arriva anche nella pubblica amministrazione. L'idea è del ministro Renato Brunetta che pensa ad una direttiva per contenere la spesa contenente tutta una serie di novità che mettono in prima linea l'auto. Il documento, in cui il risparmio quantificato è del 30% per i costi attuali e del 50% per quelli futuri, si legge che per le auto di servizio non assegnate a soggetti titolari di incarichi, ma a disposizione degli uffici, "appare necessaria la massimizzazione dell'utilizzo attraverso l'adozione di modalità di 'car sharing' che oltre, a consentire la messa disposizione dell'autoveicolo solo nel caso di effettivo utilizzo, permette la facile tracciabilità e rendicontazione con cadenza periodica (ad esempio mensile o trimestrale) della percorrenza chilometrica e dei consumi".

In merito all'incentivazione di "forme di mobilità collettiva" è citato l'esempio di "alcune amministrazioni locali che hanno già istituito e sperimentato con successo il 'buono della mobilità sostenibile' che, analogamente al 'buono pasto', assolve alla funzione di dare al dipendente un'incentivazione per l'assolvimento di una necessità primaria, quale la mobilità, con particolare riguardo agli spostamenti 'casa-lavoro'". Brunetta, nella sua circolare, spiega che "ulteriore obiettivo del censimento sarà quello di giungere alla definizione di un 'costo standard', a tal fine, ciascuna amministrazione provvederà a monitorare la percorrenza chilometrica annua delle autovetture e la spesa sostenuta, al fine di ricavare un dato riferibile al 'costo standard per chilometro'".

Questo, secondo il ministro per la Pubblica Amministazione, potrà consentire "di individuare modelli contrattuali che favoriscano la trasparenza e l'economicità della gestione, attraverso al definizione di un importo onnicomprensivo (atto cioè a ricomprendere, oltre al canone per l'uso, tutte le altre voci di costo che gravano sul veicolo: assicurazione, bollo auto, manutenzione, ecc) che permetta ad esempio, acquisti basati su 'pacchetti di chilometri'", come si legge nella circolare.

Autore:

Tag: Attualità , car sharing


Top