dalla Home

Curiosità

pubblicato il 12 maggio 2010

Sempre più auto in Italia

In 5 anni +4,9%, ma si tratta di un parco auto che invecchia

Sempre più auto in Italia

I mezzi pubblici lasciano a desiderare e sempre più italiani comprano un'auto. Negli ultimi cinque anni il numero delle vetture nel nostro Paese è aumentato del 4,92%, passando dalle 34.636.594 unità del 2005 alle 36.339.405 del 2009. La ragione di questa crescita, secondo l'Osservatorio sulla Mobilità Sostenibile di AIRP (Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici), che ha svolto l'analisi da cui provengono questi dati, è in primo luogo riconducibile alle "perduranti carenze delle principali modalità di trasporto pubblico (autobus e treno) che in molti casi rendono praticamente obbligatorio il ricorso all'autovettura privata".

Sulla costante crescita del numero delle auto, sottolinea l'AIRP, incidono poi anche particolari fattori strutturali, come la conformazione fisica del territorio nazionale (che soprattutto nelle aree extraurbane sollecita la domanda di mobilità privata) e l'espansione urbanistica nelle aree immediatamente al di fuori delle grandi città. Tuttavia, il dato di AIRP non deve trarre nell'inganno di un parco auto "giovane".

In Italia, infatti, l'età media di una vettura è pari a circa 7 anni e mezzo. E comunque, nel corso del 2009 si è registrato un contenimento della crescita del parco circolante di auto dovuto innanzitutto alla crisi economica ed in secondo luogo al fatto che l'impatto degli incentivi alla rottamazione se da un lato ha sostenuto la domanda, dall'altro non ha influito sulla consistenza del parco circolante in quanto per ogni auto acquistata con gli incentivi ne è stata radiata un'altra.

Lo studio dell'Osservatorio AIRP sulla Mobilità Sostenibile, evidenzia inoltre la crescita del parco circolante di auto nelle venti regioni italiane. Quelle meridionali-centrali hanno registrato gli aumenti più significativi, per via del progressivo allineamento del tasso di motorizzazione ai livelli della media nazionale. In testa c'è la Calabria (+7,91%), seguita nell'ordine dalla Basilicata (+7,67%), dal Lazio (+7,14%), dal Molise (+6,97%), dalla Sardegna (+6,94%), dalla Sicilia (+6,81%) e dalla Puglia (+6,15%). In chiusura di questa graduatoria vi sono la Lombardia (+3,23%), il Piemonte (+2,81%) e la Liguria (+1,74%).

IL PARCO AUTO NELLE REGIONI ITALIANE DAL 2005 AL 2009
Regione: 2005 - 2006 - 2007 - 2008 - 2009 (%)

Calabria:1.087.761-1.119.271-1.137.452-1.156.66 -1.173.771 (+7,91%)
Basilicata: 319.926 - 330.261 - 335.624 - 340.484 - 344.479 (+7,67%)
Lazio:3.569.907-3.665.295- 3.720.607 - 3.795.191 - 3.824.823 (+7,14%)
Molise: 183.076 - 188.213 - 191.420 - 193.903 - 195.830 (+6,97%)
Sardegna: 917.516 - 943.735 - 959.946 - 971.317 - 981.153 (+6,94)
Sicilia:2.876.589 -2.955.804 - 3.006.924 - 3.043.645 - 3.072.362 (+6,81)
Puglia:2.105.974 -2.155.887 -2.186.602 - 2.213.948 - 2.235.430 (+6,15)
Campania:3.188.953-3.252.529-3.298.817-3.337.039-3.373.383(5,78%)
Abruzzo: 781.830 - 798.308 - 807.542 - 818.677 - 826.843 (5,76%)
Valle D'Aosta:131.950-132.342-138.755-138.870-139.253 (+5,53%)
Trentino A.A.:530.459-537.768-543.304-550.143-557.797 (+5,15%)
Umbria: 571.543 - 581.356 - 587.409 - 595.290 - 599.751 (+4,94%)
Veneto:2.782.367-2.829.512 -2.858.966 -2.891.046 -2.910.427(+4,60%)
Marche: 950.126 - 965.427 - 975.044 - 985.100 - 991.012 (+4,30%)
Toscana:2.259.734-2.289.412-2.308.704-2.324.359-2.345.843 (+3,81%)
EmiliaR.:2.565.582-2.599.368 -2.620.027-2.647.668-2.660.629(+3,70%)
Friuli V.G.: 734.169 - 742.033 - 747.901 - 754.117 - 757.988 (+3,24%)
Lombardia:5.552.848-5.621.965-5.650.414-5.709.004-5.732.211(+3,2%)
Piemonte:2.702.941-2.724.689-2.744.315-2.773.000-2.778.791(+2,8%)
Liguria: 823.343 - 831.525 - 832.286 - 835.059 - 837.629 (+1,74%)

TOTALE:
Italia: 34.636.594 - 35.264.700 - 35.652.059 - 36.074.529 - 36.339.405 (+4,92%)

[ Fonte: elaborazione dell'Osservatorio AIRP sulla Mobilità Sostenibile su dati ACI ]

60 voti Sondaggio

Ogni quanto compri un'auto?

8-10 anni

  
51%

5-8 anni

  
23%

3-5 anni

  
20%

1-3 anni

  
5%

 

Autore:

Tag: Curiosità , immatricolazioni


Top