dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 10 maggio 2010

Nuovo Codice della Strada: buono a metà

Per Assosegnaletica si poteva fare di più

Nuovo Codice della Strada: buono a metà

Il testo del nuovo Codice della Strada approvato al Senato non convince tutti, o del tutto. Soddisfazione solo a metà per Assosegnaletica (Anima/Confindustria) che giudica "positivo il fatto che la segnaletica stradale torni al centro dell'attenzione del Legislatore, anche se si registra un passo indietro rispetto agli impegni presi dalla Commissione Trasporti della Camera", ma crede che "si poteva fare di più in termini di risorse finanziarie - come ha detto il Presidente, Paolo Cattorini - soprattutto per quelle spettanti allo Stato che in periodi di crisi come questo saranno residuali per rispettare gli equilibri di bilancio".

In particolare, è previsto che un 50 per cento dei proventi delle multe andrà agli enti proprietari delle strade e un 50 per cento agli enti accertatori. Da una prima analisi, "l'effetto positivo sembra essere che gli enti proprietari dovranno finalmente programmare una manutenzione ordinaria e ricorrente sulla segnaletica stradale alla quale sarà destinato almeno un quarto del 50% dei proventi contravvenzionali di loro spettanza", si legge in una nota dell'Associazione, che attende di vedere come funzionerà il meccanismo nella pratica.

Autore:

Tag: Attualità , codice della strada


Top