dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 22 aprile 2010

Ford Start Concept

Prototipo di city car con il 3 cilindri EcoBoost

Ford Start Concept
Galleria fotografica - Ford Start ConceptGalleria fotografica - Ford Start Concept
  • Ford Start Concept - anteprima 1
  • Ford Start Concept - anteprima 2
  • Ford Start Concept - anteprima 3
  • Ford Start Concept - anteprima 4
  • Ford Start Concept - anteprima 5
  • Ford Start Concept - anteprima 6

Al Salone di Pechino 2010 esordisce Ford Start Concept, vettura che segna il ritorno della Casa americana sul tema delle show car dopo qualche anno di assenza. La Ford Start Concept è anche il primo prototipo presentato dal colosso di Dearborn in un salone cinese. Dietro le linee arrotondate che ricordano abbastanza la Audi A1 si nasconde in realtà la prefigurazione di una prossima piccola Ford, soprattutto sul fronte della meccanica che vede il debutto del nuovo motore a tre cilindri EcoBoost di 1 litro di cubatura. Partendo dal presupposto che già oggi più della metà della popolazione mondiale vive nelle città e che entro il 2050 questa percentuale salirà al 70%, i progettisti Ford hanno sviluppato la Start per proporre una vettura ultra-efficiente, di dimensioni ridotte e dal basso impatto ambientale.

Nel centro stile di Irvine, California, un gruppo di designer Ford ha tratteggiato le linee di una city car aerodinamica con pianale in acciaio alto resistenziale, leggera cellula di sicurezza in alluminio e pannelli carrozzeria in materiali plastici deformabili e pre-colorati. Le superfici sono lisce e prive di protuberanze che potrebbero interrompere il flusso aerodinamico, così come la calandra trapezoidale riduce superficie e numero delle aperture frontali. I sottilissimi gruppi ottici anteriori, anch'essi trapezoidali e a filo della carrozzeria, sfruttano la tecnologia delle luci LED, come anche le piccole luci di marcia diurna.

A spingere la Ford Start Concept è un nuovo rappresentante della famiglia di motori EcoBoost, per la precisione un 3 cilindri a benzina di 1 litro che attraverso l'utilizzo di iniezione diretta e turbocompressore arriva a sviluppare una potenza e una coppia genericamente definite "superiori a quelle di un 4 cilindri aspirato". L'obiettivo, neppure troppo ambizioso per gli standard europei, ma interessante agli occhi del pubblico cinese e americano, è quello di ottenere emissioni di CO2 inferiori ai 100 g/km. Abbinato al nuovo propulsore c'è un cambio manuale a 6 marce che dovrebbe gestire egregiamente la coppia generata dall'EcoBoost e garantire una guida relativamente scattante.

All'interno non poteva mancare l'ultima evoluzione del sistema multimediale MyFord Mobile in grado di interfacciarsi con smartphone e computer portatili. Le funzioni di controllo della climatizzazione, del computer di bordo e della disattivazione dell'airbag passeggero sono attivabili tramite comandi vocali e il display da 6 pollici sulla plancia. La connessione con telefonini dell'ultima generazione porta allo scambio reciproco di informazioni, messaggi e comandi fra la vettura e il dispositivo portatile.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Ford , dall'estero , nuovi motori


Top