dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 21 aprile 2010

Kia Optima in Europa nel 2011, forse con la SW

La nuova berlina coreana arriverà anche da noi, forse anche wagon

Kia Optima in Europa nel 2011, forse con la SW
Galleria fotografica - Nuova Kia OptimaGalleria fotografica - Nuova Kia Optima
  • Nuova Kia Optima - anteprima 1
  • Nuova Kia Optima - anteprima 2
  • Nuova Kia Optima - anteprima 3
  • Nuova Kia Optima - anteprima 4
  • Nuova Kia Optima - anteprima 5
  • Nuova Kia Optima - anteprima 6

La Kia Optima arriverà anche in Europa entro la fine del 2010 e, con ogni probabilità avrà anche una versione Station Wagon che la renderà ancora più appetibile per i clienti del Vecchio Continente. La conferma viene dall'interno della casa coreana che, dopo la Sportage, avrà tra le mani un altro pezzo pregiato per guidare lo sfondamento in segmenti dove è sempre stata debole per i contenuti, ma soprattutto per i motori e lo stile.

Niente di tutto questo per la nuova Optima le cui linee confermano il sensibile progresso verso un design più europeo impresso da Peter Schreyer e il cui dinamismo è davvero sorprendente. Il frontale, caratterizzato dalla nuova calandra Kia, è cattivo e il piccolo rene come sfogo d'aria posizionato dopo il passaruota anteriore sottolinea ancora di più la linea di cintura a cuneo e i fianchi lisci aggiungendo ulteriore sportività. La nuova Optima è basata su una nuova piattaforma realizzata con abbondanza di acciai speciali per limitare il peso ed aumentare sia la sicurezza sia il comfort, grazie anche alle sospensioni posteriori Multi-link. La berlina coreana inoltre cresce nettamente nelle dimensioni: è infatti lunga 4.845 mm e ha un passo di 2.795 mm che permette di avere un abitacolo nettamente più abitabile, ma soprattutto più raffinato e gradevole sia nello stile sia nella scelta di tinte e materiali. La plancia infatti è avvolgente, dotata anche di inserti in pelle cucita a punto doppio, la strumentazione i comandi sono tutti retroilluminati, l'avviamento è a pulsante e c'è persino un impianto audio firmato Infiniti e un sistema multimediale curato da Microsoft.

Diversi i motori previsti a seconda dei mercati, tutte però a 4 cilindri, anche negli USA dove la Optima sarà lanciata prima di arrivare negli altri paesi. Alla base ci sarà un 2.4 a iniezione diretta della famiglia Theta II da 206 CV, ma la novità più grande è il nuovo 2 litri turbo sempre ad iniezione diretta che eroga ben 274 CV e che, nella versione destinata all'Europa, avrà addirittura 282 CV precedendo la versione ibrida. Se il sistema sarà lo stesso della cugina Hynudai Sonata, dovrebbe avere un 2,4 litri aspirato, ma ad iniezione indiretta e a ciclo Atkinson che eroga 170 CV ed è accoppiato con un elettrico da 30 kW per un totale di 211 CV e una coppia di 265 Nm. La particolarità è che questo ibrido parallelo consente di raggiungere in modalità elettrica ben 100 km/h (un vero e proprio record), ha un cambio automatico-sequenziale a 6 rapporti con comandi al volante che aggiunge piacere di guida ed anche efficienza, in più, è servito da una batteria ai polimeri di litio. Per l'Europa ci saranno naturalmente i Diesel. L'unico annunciato per ora è l'1.7 da 115 CV atteso anche sulla Sportage, ma dovrebbero esserci anche il 2 litri da 136 CV e il 2.2 da 197 CV. Ci sono insomma le premesse per avere prestazioni che evitano ogni timidezza nei confronti dei concorrenti.

Fare ipotesi per la station wagon è quantomeno prematuro, ma il fatto che la regia dello stile per l'Optima sia stata l'Europa fa ben sperare oltre al fatto che le premesse offerte dalla silhouette della berlina lasciano immaginare una sportwagon in grado di catturare gli sguardi e dare fastidio in un segmento dove finora aveva preso solo le briciole e le familiari vanno per la maggiore . In questo modo, la Kia dovrebbe rafforzare la propria posizione in una fascia di mercato che genera la maggior parte dei propri volumi attraverso le flotte, un canale commerciale avari di profitti, ma trainante sul versante dell'immagine, soprattutto con uno stile così piacevole e con una copertura di garanzia che sarà di 7 anni, come tutte le altre Kia in gamma. Per gli USA invece la garanzia arriva addirittura a 10 anni e dovrebbe esserci un'altra seconda variante con carrozzeria coupé 2 porte, sempre che la station wagon non torni di moda anche lì dove ci sono segnali positivi proprio in questo senso.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Anticipazioni , Kia , auto coreane


Top