dalla Home

Motorsport

pubblicato il 16 aprile 2010

Anche la Ferrari ci prova con l'F-duct

La rossa lo testerà nelle libere di Shanghai

Anche la Ferrari ci prova con l'F-duct

Come sempre in Formula 1 quando qualcuno scopre qualcosa (mai come in questo caso si può parlare di "buco regolamentare") è una corsa da parte di tutti gli altri a provare l'innovazione per cercare di adottarla il prima possibile. E dopo il riuscito tentativo di Bmw Sauber, che ha sfoggiato la sua versione di F-duct in Malesia, è arrivato il momento della Ferrari. Pare infatti che Fernando Alonso proverà già nelle libere del Gran Premio di Cina una rossa di Maranello che ingloba il sistema inventato dalla McLaren per andare più veloce in rettilineo, anche se non si sa se lo sviluppo sia già al punto da poterne permettere l'utilizzo già in gara.

In pratica una presa posta sull'anteriore convoglia un flusso d'aria fino all'abitacolo. Ma se il buco nell'abitacolo viene "casualmete" ostruito dalla gamba del pilota l'aria viene poi diretta fino al posteriore della vettura, dove fuoriesce in un punto preciso che consente a questo flusso di mandare in stallo (cioè fare perdere deportanza) l'alettone posteriore, rendendo quindi la vettura più veloce in virtù del minore carico aerodinamico. E i primi gp hanno dimostrato come la squadra di Woking sia attualmente la regina delle speed trap. E visto che a Shanghai è presente uno dei rettilinei più lunghi di tutto il Mondiale, è ovvio che riuscire a disporre già di questo dispositivo sarebbe molto importante per la Ferrari.

Autore: Fulvio Cavicchi

Tag: Motorsport , formula 1


Top