dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 14 aprile 2010

Tolleranza zero: "Il ministro Fazio risponda a Zaia"

L'appello di Automobilista.it che cerca un "ruggito dai politici dormienti"

Tolleranza zero: "Il ministro Fazio risponda a Zaia"

"Signor ministro della Salute, Ferruccio Fazio, risponda al ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Luca Zaia". Inizia così l'appello lanciato da Automobilista.it che cerca un "ruggito dai politici dormienti".

La questione, sollevata dal sito che dà la caccia a bufale, pregiudizi e leggende metropolitane che danneggiano chi va in auto, è quantomai semplice: il ministero della Salute ripete ormai da anni che chi guida non deve bere e le campagne di sensibilizzazione contro la guida in stato d'ebbrezza si ripetono ciclicamente (per non parlare di quelle promosse dal ministero della Gioventù). Poi arriva Zaia, ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali e presidente della Regione Veneto, "e racconta che un paio di bicchieri di vino prima di guidare non hanno mai ucciso nessuno. Vogliamo prendere come una provocazione il fatto che il ministro aggiunga: bevetevi pure una grappa", si legge sul portale dedicato agli automobilisti.

"Ci farebbe davvero piacere che il ministro della Salute, Fazio, accogliesse il nostro gentile invito", prosegue il blog, perché il silenzio sull'argomento è stato assordante. Non solo "nessun politico ha osato contraddire Zaia", ma "l'Organizzazione mondiale della sanità neppure ci pensa a emettere un comunicatino di due righe per smentire Zaia". E proprio l'Organizzazione mondiale della sanità ha più volte sottolineato che un incidente stradale su tre è dovuto all'alcol, mentre Zaia (che si basa su dati Istat) parla di appena "due sinistri su 100 in Italia".

"Tanto per capire a chi dobbiamo credere: al ministero della Salute o a quello 'dell'Agricoltura'"? Chiede il blog irriverente e anticonformista, che sottolinea come dietro a questa "cazzata" ci potrebbe essere il "Disegno di legge agonizzante al Senato". "C'è una norma - si legge su Automobilista.it - che vieta ai neopatentati di bere alcol prima di guidare; per loro, non varrebbe il limite di mezzo grammo di alcol per litro di sangue".

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale


Top