dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 aprile 2010

Chrysler e NASA: via alla collaborazione

Per i prossimi tre anni condivideranno le conoscenze nei rispettivi campi

Chrysler e NASA: via alla collaborazione

Ingegneria dei materiali, robotica, sistemi radar, batterie ed altri mezzi di conservazione dell'energia. E' in questi campi che Chrysler e NASA collaboreranno per i prossimi tre anni, secondo un accordo che permetterà al Gruppo di Auburn Hills e all'agenzia spaziale statunitense "la condivisione di informazioni relative a tecnologie avanzate in diverse aree di interesse comune".

Chrysler ha già beneficiato in passato dell'alleanza sulla condivisione di ricerche su sensori per la navigazione e ancora più indietro nel tempo è stata partner nelle più importanti missioni aerospaziali della NASA: nel 1961 ha prodotto i razzi Redstone per il Mercury Project che portò il primo americano nello spazio e in seguito costruì i "booster" che spinsero le prime due navicelle spaziali Apollo nell'orbita terrestre, compresa la prima missione umana nel 1968.

La collaborazione, come già avviene con General Motors, "consentirà a Chrysler Group e NASA di attingere alle esplorazioni spaziali e alle tecnologie automotive attuali e a quelle emergenti. Le conoscenze condivise verranno utilizzate per le rispettive attività", si legge nella nota diffusa dal Gruppo italo-americano.

Autore:

Tag: Curiosità , Chrysler , dall'estero


Top