dalla Home

Motorsport

pubblicato il 2 aprile 2010

F1: Sepang, Prove Libere 2: Hamilton si conferma l'uomo da battere

Ma in Malesia Vettel si avvicina. Male le Ferrari

F1: Sepang, Prove Libere 2: Hamilton si conferma l'uomo da battere

Lewis Hamilton si conferma l'uomo da battere anche nella seconda sessione di prove libere del Gp della Malesia, che proprio come la prima mostra un ottimo stato di forma delle vetture motorizzate Mercedes. Il pilota della McLaren è riuscito ad abbassare di circa otto decimi il riferimento che aveva fatto segnare nel primo turno, riuscendo ad aumentare anche il suo vantaggio sulla concorrenza. Il nuovo limite, dunque, è di 1'34"175.

Alle sue spalle però questa volta si è inserita la Red Bull di Sebastian Vettel, staccata di poco poco meno di tre decimi, che ha preceduto di appena due millesimi la Mercedes Gp di Nico Rosberg. Al box della bibita energetica però continuano ad essere vittime dei problemi di affidabilità della RB6: Mark Webber, ventesimo, ha infatti parcheggiato la sua monoposto nei pressi della curva 9 dopo meno di mezzora, probabilmente a causa di una rottura al motore.

Seguono il campione del mondo in carica Jenson Button e Michael Schumacher, che dunque confermano le gerarchie della prima ora e mezza di prove. Ribadisce il suo ottimo stato di forma anche Robert Kubica: la sesta piazza è sicuramente un ottimo risultato per la Renault, anche se il distacco da Hamilton è decisamente importante visto che sfiora il secondo.

Notte fonda in casa Ferrari, con Fernando Alonso che migliora la sua posizione, salendo al settimo posto, ma si ritrova ad avere accumulato un ritardo di un secondo e quattro decimi dai più veloci. Felipe Massa invece è addirittura un secondo più indietro, in quindicesima posizione. E' probabile che la squadra di Maranello abbia lavorato con decisione sull'assetto da gara, ma sarebbe veramente strano se non avesse provato neanche un run in condizione da qualifica.

FORMULA 1, Sepang (MY), 2 aprile 2010
Classifica seconda sessione di prove libere
1. Lewis Hamilton - McLaren-Mercedes - 1'34"175 - 27 giri
2. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 1'34"441 - + 0"266 - 28
3. Nico Rosberg - Mercedes Gp - 1'34"443 - + 0"268 - 30
4. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'34"538 - + 0"363 - 24
5. Michael Schumacher - Mercedes Gp - 1'34"674 - + 0"499 - 30
6. Robert Kubica - Renault - 1'35"148 - + 0"973 - 34
7. Fernando Alonso - Ferrari - 1'35"581 - + 1"406 - 34
8. Sebastien Buemi - Toro Rosso-Ferrari - 1'35"660 - + 1"485 - 39
9. Vitaly Petrov - Renault - 1'35"872 - + 1"697 - 30
10. Adrian Sutil - Force India-Mercedes - 1'35"957 - + 1"782 - 32
11. Kamui Kobayashi - Sauber-Ferrari - 1'36"018 - + 1"843 - 38
12. Vitantonio Liuzzi - Force India-Mercedes - 1'36"221 - + 2"046 - 34
13. Pedro de la Rosa - Sauber-Ferrari - 1'36"325 - + 2"150 - 33
14. Jaime Alguersuari - Toro Rosso-Ferrari - 1'36"325 - + 2"150 - 39
15. Felipe Massa - Ferrari - 1'36"602 - + 2"427 - 30
16. Rubens Barrichello - Williams-Cosworth - 1'36"813 - + 2"638 - 26
17. Nico Hulkenberg - Williams-Cosworth - 1'37"415 - + 3"240 - 19
18. Jarno Trulli - Lotus-Cosworth - 1'38"454 - + 4"279 - 34
19. Heikki Kovalainen - Lotus-Cosworth - 1'38"530 - + 4"355 - 32
20. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'38"786 - + 4"558 - 13
21. Timo Glock - Virgin-Cosworth - 1'39"061 - + 4"886 - 23
22. Lucas di Grassi - Virgin-Cosworth - 1'39"158 - + 4"983 - 29
23. Karun Chandhok - HRT-Cosworth - 1'41"084 - + 6"909 - 27
24. Bruno Senna - HRT-Cosworth - 1'41"481 - + 7"306 - 32

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Motorsport , formula 1


Top