dalla Home

Motorsport

pubblicato il 31 marzo 2010

F1: i Piquet fanno causa a Briatore

Inoltrata da Nelson e Nelsinho una richiesta danni pari a 200.000 sterline

F1: i Piquet fanno causa a Briatore

Il Singapore Gate sembra non riuscire a trovare mai la parola fine: secondo quanto riporta il Daily Mail Nelsinho Piquet ed il padre Nelson Piquet hanno avviato un'azione legale nei confronti di Flavio Briatore. I due brasiliani avrebbero inoltrato una richiesta danni pari a 200.000 sterline (circa 224.000 euro al cambio attuale) all'Alta Corte di Londra, in risposta alle accuse che il manager cuneese gli formulò lo scorso settembre. Quando cominciarono a trapelare le prime avvisaglie dello scandalo legato all'incidente causato volontariamente da Nelsinho per favorire il successo di Fernando Alonso, la Renault e Briatore negarono tutto, diramando anche un comunicato stampa di accusa nei confronti della famiglia Piquet, rea secondo loro di aver fornito delle false prove alla FIA.

Per questo padre e figlio erano anche stati minacciati di subire delle ripercussioni a livello legale ma, una volta appurato che dietro a quanto accaduto a Singapore c'era la regia di Briatore e di Pat Symonds, la casa francese li ha licenziati entrambi e messo a freno le sue voglie di rivalsa. Voglie di rivalsa che invece sono rimaste ben vive nei due Piquet, che in tutto questo tempo hanno continuamente richiesto le scuse di Briatore. Scuse che però Flavio si è sempre rifiutato di porgere, in virtù anche della vittoria ottenuta davanti al Tribunal de la Grande Istance di Parigi, che ne ha annullato la squalifica a vita dal mondo del motorsport, riabilitando anche la sua figura.

Il tre volte campione del mondo ed il suo rampollo hanno dunque deciso di passare dalle parole ai fatti, come ha spiegato il loro legale, Dominic Crossley: "Dopo aver dato tempo e modo di ritirare le accuse e di scusarsi, i miei clienti ora ritengono che non ci sia altro da fare che andare davanti ad un giudice per dimostrare che non hanno detto il falso".

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Motorsport , formula 1


Top