dalla Home

Novità

pubblicato il 1 aprile 2010

Nuovo Opel Movano

Motore 2.3 CDTI e vari affinamenti. Trazione anteriore o posteriore

Nuovo Opel Movano
Galleria fotografica - Nuovo Opel MovanoGalleria fotografica - Nuovo Opel Movano
  • Nuovo Opel Movano - anteprima 1
  • Nuovo Opel Movano - anteprima 2
  • Nuovo Opel Movano - anteprima 3
  • Nuovo Opel Movano - anteprima 4
  • Nuovo Opel Movano - anteprima 5
  • Nuovo Opel Movano - anteprima 6

La seconda generazione di Opel Movano rappresenta per la Casa tedesca l'ennesima sfida nel segmento europeo dei veicoli commerciali leggeri, con ambizioni di vendita addirittura doppie rispetto al modello attualmente a listino. Per raggiungere questo risultato il costruttore di Russelsheim punta su di un mezzo rinnovato che fa della funzionalità e dell'economia d'esercizio i suoi punti di forza, al pari del veicolo gemello Renault Master.

RESTYLING INTERNO
A parte piccoli ritocchi a livello esterno, i tecnici Opel si sono concentrati sulla ridefinizione della cabina anteriore, ora più lunga di 57 mm, rifinita con materiali più resistenti e dotata di nmumerosi vani portaoggetti. Anche i sedili sono regolabili in varie modalità e il piantone dello sterzo è regolabile in altezza per consentire una guida confortevole a piloti di ogni statura. Il nuovo Opel Movano può essere scelto fra le versioni furgone (in quattro lunghezze e tre altezze di tetto), telaio nudo con cabina singola o doppia, pianale cabinato e minibus, con possibilità di avere allestimenti e conversioni speciali.

VANO DI CARICO
Il vano di carico posteriore, a seconda della lunghezza e dell'altezza del tetto, ha una volumetria che va da un minimo di 8 metri cubi (versione L1H1) fino ad un massimo di 17 metri cubi (modello L4H3). La lunghezza dell'area di carico va dai 2.583 mm della versione più piccola fino ai 4.383 mm della L4H2, mentre la massa complessiva oscilla fra 2.800 e 4.500 kg. Per la prima volta su Movano è possibile scegliere fra trazione anteriore, riservata alle versioni L1, L2 e L3, e trazione posteriore, disponibile in alternativa sulla L3 e come sola opzione sulla più grande L4. Con la trazione posteriore il nuovo Movano può garantire il trasporto di carichi più pesanti (fino a 2.254 kg) anche su fondi a scarsa aderenza. L'opzione delle ruote posteriori gemellate può incrementare ulterioremente le possibilità di carico dei modelli furgone, telaio cabina singola e doppia. Anche la capacità di traino raggiunge la non indifferente quota di 3.000 kg.

GRANDI PORTIERE
La praticità di utilizzo nell'utilizzo professionale è assicurata dalla porta laterale scorrevole (h 1.780 x l 1.270 mm nelle versioni più grandi) che consente di caricare pedane Europallet, oltre che dal portellone a battente con apertura di 180 gradi di serie e 270 gradi in opzione. Attraverso l'apertura posteriore (h 1.820 x l 1.580 mm) è possibile caricare oggetti particolarmente ingombranti, grazie anche alla maggiore larghezza dei passaruote interni (1.380 mm)

UN COMMON RAIL, TRE POTENZE
La famiglia di propulsori del nuovo Opel Movano è rappresentata da tre diverse versioni dello stesso diesel common rail 2.3 CDTI, il quattro cilindri disponibile con potenze di 100, 125 e 146 CV. Questi sono offerti sia con omologazione Euro 4 che Euro 5 (con filtro DPF) e sfruttando il serbatoio opzionale da 105 litri (80 litri di serie) l'autonomia arriva fino quasi a 1.400 km. Il cambio manuale a 6 velocità è di serie su tutte le motorizzazioni, con il cambio robotizzato Easytronic a richiesta sulle versioni 125 e 146 CV. La velocità massima varia da 133 a 159 km/h, mentre i consumi combinati oscillano dagli 8,0 l/100 km del furgone L2H2 a trazione anteriore ai 9,4 l/100 km dell'L3H2 a trazione posteriore. L'attuale livello di emissioni di CO2 (fra 211 e 249 g/km) verrà migliorato da una versione particolarmente economica e a basse emissioni di anidride carbonica che arriverà nella seconda metà del 2010.

MANUTENZIONE RIDOTTA
Particolare cura è stata dedicata alla riduzione dei costi d'esercizio di Opel Movano (più bassi del 10%), sia a livello di maggiore resistenza delle componenti che di più lunghi intervalli di manutenzione. Il cambio olio è infatti necessario ogni 40.000 km o una volta all'anno e il liquido refrigerante deve essere sostituito dopo 160.000 km anziché dopo 120.000. Sul fronte sicurezza si segnalano poi la presenza di serie di ABS, ripartitore elettronico della frenata (EBD), controllo elettronico della stabilità (sui modelli a trazione posteriore) ed airbag lato guida. A richiesta è l'airbag lato passeggero, quelli laterali e i fari anteriori autoadattativi.

Autore:

Tag: Novità , Opel , veicoli commerciali


Top