dalla Home

Test

pubblicato il 26 marzo 2010

Peugeot 3008 Outdoor 2.0 HDi FAP 150 CV

Lo stile è controverso, ma dà lezioni di polivalenza e comfort

Peugeot 3008 Outdoor 2.0 HDi FAP 150 CV
Galleria fotografica - Peugeot 3008 Outdoor 2.0 HDi FAP 150 CVGalleria fotografica - Peugeot 3008 Outdoor 2.0 HDi FAP 150 CV
  • Peugeot 3008 Outdoor 2.0 HDi FAP 150 CV - anteprima 1
  • Peugeot 3008 Outdoor 2.0 HDi FAP 150 CV - anteprima 2
  • Peugeot 3008 Outdoor 2.0 HDi FAP 150 CV - anteprima 3
  • Peugeot 3008 Outdoor 2.0 HDi FAP 150 CV - anteprima 4
  • Peugeot 3008 Outdoor 2.0 HDi FAP 150 CV - anteprima 5
  • Peugeot 3008 Outdoor 2.0 HDi FAP 150 CV - anteprima 6

Doppio zero come doppia identità. Per questo si chiama 3008 la Peugeot a metà strada tra berlina e fuoristrada, quello che oggi si chiama crossover e rappresenta il più importante fenomeno di mercato inaugurato dalla Nissan Qashqai, principale obiettivo della vettura francese che proprio come la giapponese ha al vertice della gamma una versione con motore Diesel 2 litri da 150 CV.

COM'E' FUORI
Alta 4,36 metri e alta 1,64, la 3008 ha uno stile diverso dalle altre Peugeot ed è sicuramente originale, forse anche per questi motivi, non raccoglie plausi unanimi. Ad ogni modo il crossover francese è una vettura ben abitabile e con uno spazio ben flessibile visto che si passa facilmente dai 432 litri ai 1.241 litri con lo schienale posteriore abbattuto. Ma la comodità più grande per il carico è la ribaltina con la quale le operazioni di carico sono facili e senza scalini.

A BORDO, LUCE E TECNOLOGIA
Un'altra cosa che distingue la 3008, come altre Peugeot, è il tetto panoramico Ciel esteso per tutta la lunghezza utile, davvero un valore in più per chi ama viaggiare e che trasforma ogni spostamento in una specie di bagno solare. Così come per lo stile esterno, anche quello della plancia è davvero nuovo per una Peugeot, ma qui convince di più perché è ricco, quasi opulento: levette a cursore, tanti pulsanti, cromature, indicazioni digitali e analogiche e persino l'head-up display che proietta le informazioni su un piccolo pannello in plexiglas a scomparsa e che si può regolare in intensità e inclinazione.
Il tunnel è molto inclinato e rende la parte anteriore dell'abitacolo qualcosa a metà strada tra un natante e un velivolo, in ogni caso un invito al viaggio. Al posto guida si siede comunque comodi e, nonostante l'altezza, il rapporto tra sedile, volante e pedaliera ricorda quello delle berlina 308 e anzi la leva del cambio rialzata lo rende ancora più comodo e sportivo. L'unica cosa poco comoda è il cassetto portaoggetti, non certo generoso.

FORZA MORBIDA E DISCRETA
Il 2 litri Euro 5 della 3008 sembra una semplice evoluzione di quello montato su tante altre vetture del gruppo PSA e Ford, in realtà è completamente nuovo e si sente perché gira senza mai lamentarsi ai regimi più bassi, risponde con progressività all'acceleratore, è fluido nel salire di giri e non alza mai la voce. Insomma, ha 340 Nm di coppia ben spalmati ed è un ottimo compagno di viaggio, supportato da un cambio dagli innesti piuttosto definiti e da una frizione accettabile per leggerezza. I consumi medi rilevati si aggirano intorno ai 7 litri/100 km, un buon risultato per una vettura di questo tipo e con prestazioni che, senza veemenza, si fanno sentire eccome.

COMFORT E COMPOSTEZZA
Piace anche la discrezione con la quale agisce la climatizzazione, ci piacerebbe invece che per i satelliti al volante ci fosse un'idea nuova rispetto ai soliti che vediamo sulle auto del gruppo da oltre 10 anni. Niente da dire invece sul comfort e sul comportamento stradale. Le sospensioni fanno il loro dovere senza far inclinare il corpo vettura grazie al sistema Dynamic Rolling Control dando in definitiva un comportamento sempre omogeneo. Interessante anche il Grip Control, il sistema che adatta il controllo elettronico della trazione a diversi tipi di fondo selezionabili attraverso una manopola sul tunnel. Non è come la trazione integrale, ma offre un valido aiuto senza aggiungere peso e consumi.

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI
Di serie la 3008 offre, in tema di sicurezza, ABS, ESP, Dynamic Rolling Control e 6 Airbag (Conducente e passeggero, laterali e a tendina). Compresi nel prezzo ci sono anche gli alzacristalli anteriori e posteriori elettrici con comando sequenziale, i cerchi in lega da 16" con pneumatici Michelin Latitude Tour HP Mud & Snow, i retrovisori in tinta carrozzeria, il sedile conducente e passeggero regolabile in altezza, il volante in pelle, regolabile in altezza e profondità e molto altro, tra cui l'Head Up Display e il Pack Visibilità (retrovisori ripiegabili elettricamente, retrovisore interno elettrocromatico, accensione automatica dei fari e del tergicristallo).
Optional il Grip Control (200 euro), il tetto Ciel Panoramico in cristallo oscurato (500 euro), il rilevatore ostacoli anteriore con lavafari (200 euro), il WIP Com 3D (1.830 euro) e la vernice metallizzata (480 euro).
La 3008 è disponibile, con 4 allestimenti, a partire da 22.000 euro (Premium 1.6 16v VTi 120 CV) fino ad un massimo di 31.100 euro (Outdoor 2.0 16v HDi 163 CV FAP aut.).

Scegli Versione

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Test , Peugeot , auto europee


Top