dalla Home

Motorsport

pubblicato il 26 marzo 2010

Grosjean approda nel Mondiale GT1

Rimasto senza un volante in F1, ha firmato con la Matech Motorsport

Grosjean approda nel Mondiale GT1

Rimasto senza un volante dopo la deludente parentesi con la Renault in Formula 1 nella passata stagione, Romain Grosjean ha scelto di approdare nel Mondiale GT1 per la stagione 2010. Il 23enne franco-svizzero ha infatti firmato un contratto con la Matech Motosport per disputare il nuovo campionato organizzato da Stephane Ratel al volante di una Ford GT, che dividerà con il tedesco Thomas Mutsch.

"L'opportunità di entrare nella squadra di Martin Bartek mi permetterà di scoprire un nuovo ambiente ed una disciplina in crescita", ha detto Grosjean, che comunque non sembra considerare questa scelta un grosso passo indietro per la sua carriera. "Il fatto che la GT1 abbia ricevuto l'etichetta di campionato mondiale rappresenta una grande sfida, che sono ansioso di intraprendere con grande motivazione. So che il team ha lavorato molto sulla Ford GT1 per questo nuovo campionato, e mi auguro che Thomas ed io saremo in grado di lottare per il podio. Ci metteremo tutti i nostri sforzi per riuscirci".

Ovviamente il team manager Martin Bartek è molto soddisfatto per essersi riuscito ad assicurare i servigi di un pilota che fino ad un anno fa circa, ai tempi della GP2, era considerato uno degli astri nascenti dell'automobilismo mondiale: "L'arrivo di Romain Grosjean porta un grande valore al nostro team. Romain ha già accumulato vittorie e titoli in tutte le categorie in cui ha corso, risultati che lo hanno portato in Formula Uno. La sua esperienza e la sua velocità, combinate con la qualità di Thomas Mutsch, ci permetteranno di vedere il futuro con grande ottimismo".

Il curriculum vitae di Grosjean è infatti di quelli veramente invidiabili: dopo aver dominato i campionati di Formula Renault sia in Svizzera che in Francia, Romain ha fatto il grande salto nella Formula 3 Euroseries, vincendo il titolo 2007 dopo un bel duello con l'attuale pilota della Toro Rosso, Sebastien Buemi. Quarto in GP2 nel 2008, l'anno scorso ha abbandonato la serie cadetta quando era in lotta con Nico Hulkenberg per la corona di campione, andando a prendere il posto di Nelsinho Piquet alla Renault in Formula 1. Purtroppo però nelle sue sette apparizioni nel Circus non è riuscito a confermare la sua fama di pilota velocissimo, pagando anche il difficile confronto con un compagno "pesante" come Fernando Alonso, ma anche la sua eccessiva irruenza, che spesso lo ha portato a commettere errori banali, specie nelle prime fasi di gara.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Motorsport , piloti


Top