dalla Home

Home » Argomenti » Incentivi auto

pubblicato il 29 marzo 2010

"Detassare i passaggi di proprietà"

Dopo CarNext anche Promotor lancia l'appello

"Detassare i passaggi di proprietà"

Eliminare l'imposta sui trasferimenti di proprietà. E' questa la soluzione espressa Gian Primo Quagliano, direttore del Centro Studi Promotor al convegno "Auto usata: mercato dimenticato", organizzato dal Centro Studi Promotor GL events e dalla Facoltà di Scienze Statistiche dell'Università di Bologna che ha riunito operatori ed esperti del mercato auto per fare il punto della situazione sul momento difficile del settore usato.

Nonostante il mancato rinnovo degli incentivi per il 2010 il mercato del nuovo finora ha retto per effetto della coda degli incentivi, ma insieme agli ordini è il mercato dell'usato ad essere fortemente in calo. Finora infatti i trasferimenti di proprietà, a lordo delle minivolture dei concessionari, sono diminuiti del 10,75% a gennaio (rispetto allo stesso mese del 2009) e del 7,33% a febbraio, una situazione che secondo gli esperti di mercato è dovuta a debolezze strutturali.

Secondo Quagliano "In particolare rimane aperta la questione delle quotazioni dei veicoli usati e quella dell'eccessivo peso della tassazione (specialmente l'imposta sui passaggi di proprietà) e della burocrazia in questo mercato. Questa situazione penalizza l'utilizzo del bene auto. Se non vi fossero questi elementi di debolezza, infatti, ci potrebbe essere una migliore corrispondenza tra le capacità economiche dell'utilizzatore e il bene utilizzato. Per porre rimedio a questa situazione è di fondamentale importanza che tutti gli operatori coinvolti nel business dell'auto usata investano sul problema delle quotazioni e che sia eliminata l'imposta sui trasferimenti di proprietà".

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni , incentivi


Top