dalla Home

Motorsport

pubblicato il 23 marzo 2010

La Dakar rimane in Sud America anche nel 2011

Per il terzo anno consecutivo si correrà in Argentina e in Cile

La Dakar rimane in Sud America anche nel 2011

Dopo il successo delle prime due edizioni, oggi gli organizzatori del Dakar Rally hanno annunciato che anche l'edizione 2011 del raid più famoso della storia si terrà in Sud America. Alla base di questa scelta c'è l'ottimo rapporto instaurato con le istituzioni argentine e cilene negli ultimi due anni, ma anche l'interesse crescente del pubblico per l'evento. "Poter continuare ad ospitare la Dakar è un sogno che diviene realtà per l'Argentina" ha detto Enrique Meyer, Segretario di Stato per il Turismo dell'Argentina, al sito ufficiale della manifestazione. "Oltre all'importante aspetto sportivo, negli ultimi due anni abbiamo potuto mostrare a tutto il mondo le bellezze della nostra terra e la passione del nostro popolo. Siamo veramente orgogliosi di poter dare ancora il benvenuto alla Dakar".

Gli fa quasi eco il Ministro dello Sport cileno, Ruiz Tangle: "E' un onore per il Cile essere confermato come paese ospitante della Dakar. Siamo convinti che questa sia l'occasione perfetta per mostrare al mondo intero i nostri paesaggi, che sono qualcosa di veramente unico. Ci teniamo poi a sottolineare l'importanza di un evento di questo tipo, specie ora che il nostro paese sta ancora subendo le terribili conseguenze del terremoto. La Dakar ci aiuterà a guardare avanti ed a dimostrare che il Cile ha la forza per reagire a catastrofi di questo genere". La partenza è prevista da Buenos Aires il primo gennaio 2011 e l'arrivo invece è fissato per 15 giorni più tardi, sempre nella capitale argentina. Il percorso completo, che come detto prevede anche alcune tappe in Cile, verrà svelato solamente il mese prossimo, durante la cerimonia di presentazione ufficiale che andrà in scena a Parigi.

Nonostante il successo della nuova formula, il sogno degli organizzatori però rimane sempre quello di riuscire a riportare la gara nel suo habitat naturale, cioè in Africa. Il continente nero infatti è stato abbandonato dopo l'edizione del 2008 a causa del grande rischio di attentati, che purtroppo ha fatto anche diverse vittime nelle ultime edizioni.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Motorsport , dakar


Top