dalla Home

Curiosità

pubblicato il 22 marzo 2010

Zanardi punta ad una medaglia alle Paralimpiadi 2012

Il pilota bolognese si sta togliendo grandi soddisfazioni con le handbike

 Zanardi punta ad una medaglia alle Paralimpiadi 2012

Non si può di certo dire che Alex Zanardi sia uno che sa stare con le mani in mano: rimasto senza un volante per la stagione 2010, dopo la rottura con la BMW Italia, l'ex campione di Indycar ha iniziato a dedicarsi anima e corpo alle gare di handbike, un particolare tipo di bicicletta utilizzata da persone che soffrono di disabilità agli arti inferiori, e lo sta facendo con grandi risultati.

Ieri infatti ha trionfato nella Maratona di Roma, stabilendo anche il nuovo record del percorso con un tempo di 1.15'53". Anche in questa occasione Alex ha dimostrato tanto cuore, dedicando la sua vittoria all'amico scomparso Franco Ballerini, ma anche tanta ambizione, visto che ora non nasconde la voglia di andare a caccia di una medaglia alle Paralimpiadi che si svolgeranno a Londra nel 2012: "Ho un obiettivo e non lo nego. Spero di andare a Londra per le Paralimpiadi del 2012 e lottare per il podio".

"Correre qui è stato molto emozionante, molto di più di quando aspettavo che si accendesse il semaforo verde nella mia macchina. Forse perchè a quello ero anche abituato" ha detto alla Gazzetta dello Sport. "Trovarsi in mezzo alla gente che fa il tifo per te e che ti spinge è una sensazione completamente diversa. Si sente il calore e il piacere del loro supporto direttamente sulla tua pelle, te la puoi vivere momento per momento. Mi alleno quasi ogni giorno per almeno 60 km e ho anche fatto un percorso 120 chilometri per verificare la mia resistenza. Il risultato finale ottenuto qui a Roma è eccellente e avrebbe potuto anche essere migliore, ma il percorso non è facile e ho incotrato parecchio vento verso la fine" ha concluso.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Curiosità , piloti , premi


Top