dalla Home

Mercato

pubblicato il 22 marzo 2010

Ford investe 1,5 miliardi di sterline nel Regno Unito

Implementare nuove tecnologie per la riduzione dei consumi e della CO2

Ford investe 1,5 miliardi di sterline nel Regno Unito

Ford investirà 1,5 miliardi di sterline (1,67 miliardi di euro) nei prossimi 5 anni nel Regno Unito con il supporto di una linea di credito per 360 milioni di sterline (circa 400 milioni di euro) da parte del governo britannico e, in prospettiva, di un prestito per ulteriori 450 milioni (circa 500 milioni di euro) da parte della Banca Europea di Investimenti.

Tutto questo denaro sarà concentrato in particolare nel sito produttivo di Dagenham dove, come è noto, la casa dell'Ovale Blu produce i propri motori Diesel insieme con PSA, ma saranno interessati anche il centro sviluppo di Dunton, nell'Essex e gli stabilimenti di Southampton, dove viene prodotto il commerciale Transit, e Bridgend, dove invece è già partita la produzione dei motori EcoBoost che hanno già debuttato sulla S-Max e la Galaxy e tra poco arriveranno su Kuga e Mondeo prima di trovarli sulle nuove C-Max e Focus. Southampton invece sarà il teatro della riscossa di Ford per quanto riguarda i mezzi commerciali, al momento punto debole della casa americana che negli scorsi anni, segnati da una profonda ristrutturazione, ha preferito concentrarsi sulle automobili lasciando però invecchiare i propri mezzi da lavoro e vedendo quindi erosa la propria presenza sul mercato in questo settore.

L'obiettivo dell'investimento di Ford è sviluppare e implementare nuove tecnologie che consentiranno una riduzione dei consumi e della CO2 e, considerando che la strategia mondiale della casa prevede anche l'elettrificazione nelle forme dell'ibrido e dell'elettrico, è altamente probabile che saranno proprio questi siti a produrre veicoli come la Focus elettrica e almeno un altro degli altri 4 veicoli previsti dal piano quinquennale presentato a Ginevra. Il governo britannico prevede che questo investimento contribuirà a creare e mantenere complessivamente 100mila posti di lavoro incentivando inoltre la crescita di tecnologie e attività di sviluppo volte alla salvaguardia dell'ambiente Oltremanica.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato , Ford


Top