dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 15 marzo 2010

All'Expo di Shanghai debutta "Angel"

Il naso-spia contro l'alcol alla guida inventato da due italiani

All'Expo di Shanghai debutta "Angel"
Galleria fotografica - "Angel", Analizer gaz espiratory levelGalleria fotografica - "Angel", Analizer gaz espiratory level
  • \
  • \

Tra le 264 invenzioni italiane che debutteranno all'Expo di Shanghai ci sarà anche "Angel", l'Analizer gaz espiratory level che controlla ogni 10 secondi il tasso alcolemico dell'automobilista e rallenta o addirittura blocca la vettura in caso il conducente abbia bevuto troppo. In pratica si tratta di un "naso-spia", messo a punto da Gianfranco Azzena, docente di Chirurgia generale nell'Ateneo di Ferrara, e dall'ingegnere Antonio La Gatta, che potrebbe anche essere adattato per il controllo degli stupefacenti assunti da chi guida.

Angel, infatti, è un progetto nato per impedire la guida in stato psico-fisico alterato per ridurre il numero degli incidenti stradali, che rimangono la più frequente causa di morte in adolescenza (15-19 anni) e seconda causa di morte nelle fasce di età tra i 10-14 anni e tra i 20-24 anni. "Con la diffusione del dispositivo Angel si vogliono salvare oltre 20.000 vite", aveva detto il Dottor Azzena all'Asaps, sottolineando come l'intuizione del progetto era stata "accolta con interesse e apprezzamenti", al punto che il Ministero Dei Trasporti aveva stilato una convenzione con "L'Istituto di Clinica Chirurgica dell'Università Degli Studi Di Ferrara" (diretto da Azzena) per la realizzazione del dispositivo.

In particolare, "la necessità di un sistema che risolvesse il problema delle stragi del sabato sera era particolarmente sentito dal Professor Giancarlo Azzena per i numerosi casi al suo Ospedale", aveva spiegato l'Ingegner Antonio La Gatta ad OmniAuto.it, aggiungendo di aver conosciuto Azzena durante un congresso medico. "In quell'occasione abbiamo parlato e di lì è nata l'idea di realizzare Angel", ci aveva detto.

IL DISPOSITIVO E LA TECNOLOGIA
Il dispositivo, come era stato spiegato da Azzena all'Asaps, consta di una unità di calcolo centrale ad elevata performance (VHP) e da tre sensori periferici disposti all'interno dell'abitacolo (uno anteriormente e due posteriormente). Gli studi di fluidodinamica applicati ad una sofisticata tecnologia hanno permesso di sviluppare il principio della "triangolazione", mediante il quale i tre sensori nell'abitacolo, dotati di elevata sensibilità e specificità, sono in grado di inviare input all'unità di calcolo centrale, che dopo averli elaborati interviene sul motore portando al rallentamento fino all'arresto del veicolo (Fig. 1). L'unità di calcolo permette anche di inviare tramite SMS o telefonate, messaggi vocali indicanti la situazione del veicolo e di comunicare con la Black Box, laddove il veicolo ne sia provvisto (Fig. 2). Un display con messaggi acustici e visivi informa contestualmente il conducente e i passeggeri degli eventi accaduti. "Angel, essendo sostenuta da una elevata tecnologia, può essere applicato su qualunque autoveicolo costruito negli ultimi 10 anni", aveva anche detto Azzena.

ESEMPI DI FUNZIONAMENTO
Quando l'auto è messa in moto da un conducente in stato di ebbrezza, Angel ne impedisce l'avviamento. Se l'auto è già avviata ed è guidata da un conducente con tasso alcoolemico superiore ai limiti della legge, il dispositivo Angel induce un graduale e progressivo rallentamento del veicolo fino allo spegnimento del motore: il rallentamento progressivo, gli appositi indicatori acustici e il display del dispositivo consentono una manovra di arresto del veicolo in sicurezza. Se invece il veicolo viene condotto da un conducente sobrio e i passeggeri seduti al fianco del guidatore o sui sedili posteriori hanno livelli alcoolemici superiori a quelli consentiti dalla legge, Angel è in grado di discriminare il conducente sobrio dai passeggeri in stato di ebbrezza e di conseguenza non impedisce in alcun modo la guida del veicolo. In aggiunta Angel offre la possibilità di informare tramite messaggi SMS o vocali i destinatari, circa la situazione della condotta del veicolo: un SMS infatti giungerà al destinatario predisposto per avvisare che la vettura non è in grado di partire in quanto chi guida è in stato di ebbrezza.

Autore:

Tag: Curiosità , sicurezza stradale


Top