dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 11 marzo 2010

ONU: auto ecologiche più sicure con il nuovo regolamento

Certificazione anche per ibride, elettriche e a idrogeno

ONU: auto ecologiche più sicure con il nuovo regolamento

Da ieri anche le auto ibride, eletttriche e a idrogeno fanno parte dell'UNECE Regulation No. 100, il regolamento internazionale emanato dal "World Forum for Harmonization of Vehicle Regulations" che stabilisce requisiti e procedure per la certificazione di sicurezza dei veicoli, quella indicata dall'adesivo con la "E" cerchiata seguita da una serie di cifre applicata spesso sul giro porta. E' la normativa varata dal Consiglio Economico e Sociale dell'ONU nel 1958 che permette che una certificazione ottenuta in un paese aderente sia riconosciuta anche negli altri 41 Paesi che fanno parte dell'accordo.

La nuova versione del regolamento adottata a Ginevra copre tutte le tipologie di auto che sfruttano in qualche modo la corrente elettrica per la trazione, dalle elettriche pure, alle ibride, alle plug-in, fino alle vetture alimentate a idrogeno, stabilendo come devono essere collaudate e fissando alcune caratteristiche che ne rendono sicuro l'uso pratico viste le alte tensioni in gioco. Ad esempio che l'auto non deve muoversi se il connettore di ricarica è inserito, oppure che deve essere presente una spia che indica che il veicolo è in funzione.

L'inclusione delle recenti vetture a impatto ridotto nel regolamento No. 100 dovrebbe facilitare i costruttori nell'introduzione di veicoli più efficienti sul mercato, eliminando la necessità di provvedere alle certificazioni di sicurezza paese per paese. "Il numero delle auto private aumenterà esponenzialmente nei prossimi anni, e noi dobbiamo rispondere incoraggiando la produzione e l'uso di auto pulite ed ecoeffcienti", ha dichiarato il vicepresidente della Commissione europea e commissario all'industria Antonio Tajani.

Autore:

Tag: Mercato , idrogeno , mobilità sostenibile , auto elettrica , auto ibride


Top