dalla Home

Novità

pubblicato il 11 marzo 2010

Mitsubishi Pajero restyling

Fuoristrada puro, ma senza rinunciare a comfort ed efficienza

Mitsubishi Pajero restyling
Galleria fotografica - Mitsubishi Pajero restylingGalleria fotografica - Mitsubishi Pajero restyling
  • Mitsubishi Pajero restyling - anteprima 1
  • Mitsubishi Pajero restyling - anteprima 2
  • Mitsubishi Pajero restyling - anteprima 3
  • Mitsubishi Pajero restyling - anteprima 4
  • Mitsubishi Pajero restyling - anteprima 5
  • Mitsubishi Pajero restyling - anteprima 6

L'anno modello 2010 della Mitsubishi Pajero riserva ai clienti una serie di modifiche più di sostanza che di forma. Le uniche differenze a livello estetico si ritrovano nella verniciatura in tinta della parte bassa dei paraurti e nell'aggiunta di un nuovo colore blu scuro. Tutto il resto è sotto la pelle, concentrato nei 200 CV del rinnovato diesel 3.2 Di-D (introdotto sulla Limited Edition dello scorso anno), nel cambio automatico e nella riduzione di consumi ed emissioni.

200 CV
Su un prodotto maturo e noto come il Pajero l'opera di affinamento si è concentrata sull'efficienza del propulsore a gasolio, rivisitato a livello di manovellismo, albero a camme, turbocompressore, pompa dell'olio, ECU e sistema di iniezione. Con queste migliorie il Pajero 3.2 Di-D mantiene i suoi 200 CV a 3.800 giri/min, la coppia massima di 441 Nm a 2.000 giri e riduce il consumo combinato da 10,6 a 8,5 l/100 km (5 porte automatico). Allo stesso modo, le emissioni di CO2 scendono dai 280 g/km della versione 2009 agli attuali 224 g/km. La velocità massima è di 180 km/h con tempi di accelerazione da zero a cento di 9,7 secondi per la 3 porte e 10,5 secondi per la 5 porte.

Il cambio può essere, a scelta, manuale o automatico a 5 marce, mentre il il motore 3.8 V6 a benzina da 250 CV è disponibile solo con cambio automatico e carrozzeria 5 porte. In questo caso la velocità massima sale a 200 km/h, con consumi che crescono di conseguenza fino ai 13,5 l/100 km (324 g/km di CO2). Tutte le versioni di Pajero 2010 adottano ora due batterie e un "riscaldatore" che facilita l'avviamento a freddo e velocizza l'entrata in temperatura.

PUNTA SULLA VERSIONE "INTENSE"
Oltre a ridurre rumorosità e vibrazioni con l'utilizzo di finestrini laterali più spessi, nuovi materiali isolanti e parabrezza acustico, la rinnovata Pajero scommette sul rinnovato allestimento intermedio "Intense", in sostituzione della precedente Intense e della Limited Edition. Le migliorie si concentrano su interni in pelle e alcantara, sedili anteriori elettrici e riscaldabili, fari Xenon autolivellanti e cerchi in lega da 18" a 9 razze. Inedito per la Intense è anche il sistema Bluetooth integrato con comandi al volante, la radio con 6 CD e porta USB e il parabrezza con base sbrinabile. La Intense si distingue anche per l'assenza delle barre longitudinali sul tetto.

I PREZZI
La Pajero che apre il listino è la 3.2 Di-D Invite 3 porte manuale che costa 35.500 euro. Per l'allestimento Intense della stessa vettura il prezzo è fissato in 38.500 euro (+2.000 euro per l'automatico), mentre la Instyle con cambio automatico costa 45.000 euro. La wagon 5 porte a 7 posti ha prezzi che vanno dai 41.500 della 3.2 Di-D Intense fino ai 48.000 euro dell'automatica Instyle, sia a gasolio che a benzina.

Scegli Versione

Autore:

Tag: Novità , Mitsubishi , auto giapponesi


Top