dalla Home

Novità

pubblicato il 13 marzo 2010

Mitsubishi L200 restyling

La pick-up si rifà il trucco e amplia il cassone

Mitsubishi L200 restyling
Galleria fotografica - Mitsubishi L200 restylingGalleria fotografica - Mitsubishi L200 restyling
  • Mitsubishi L200 restyling - anteprima 1
  • Mitsubishi L200 restyling - anteprima 2
  • Mitsubishi L200 restyling - anteprima 3
  • Mitsubishi L200 restyling - anteprima 4
  • Mitsubishi L200 restyling - anteprima 5
  • Mitsubishi L200 restyling - anteprima 6

Pur proponendosi sempre più come un mezzo specialistico, da lavoro o tempo libero, la Mitsubishi L200 MY 2010 affronta il mercato dei pick-up con un'immagine più fresca, tecnologica e "automobilistica", con dotazioni che ne aumentano la praticità di utilizzo e il comfort. Il frontale è come di consueto la parte più importante di un restyling e sulla rinnovata L200 appare più massiccio, con fari a doppia parabola, presa d'aria modificata e piastra inferiore di colore silver. Non meno importanti sono l'arrivo del cambio automatico e le nuove misure del cassone posteriore, più alto di 5,7 cm e più lungo di 18 cm nella versione a doppia cabina.

RITOCCHI AL LOOK
Il leggero restyling al frontale punta a dare un aspetto più grintoso e robusto al pick-up di Mitsubishi, garantendo comunque un netto miglioramento anche sul piano del vano di carico posteriore, ora con sponde più alte di di 5,7 cm. Cerchi in lega da 16" e 17" di disegno inedito completano l'aggiornamento esterno, assieme alle pedane laterali di tipo tubolare. Grazie al pianale ridisegnato del Double Cab (DC), è ora possibile caricare un pallet nel cassone da 1.505 mm di lunghezza.

L'abitacolo guadagna in finiture e dotazioni, con un nuovo volante dotato di comandi per audio e cruise control, console centrale e bracciolo ridisegnato, quadro strumenti nero e nuovo display sulla parte superiore della plancia, uguale a quello del Pajero. Le finiture metallizzate degli interni e i nuovi rivestimenti dei sedili contribuiscono a migliorare luminosità e aspetto dell'interno.

ANCHE SOLO TELAIO
Una delle novità più utili è rappresentata dalla possibilità di avere la L200 in versione Chassis Cab, ovvero "pianalata" senza cassone posteriore e già pronta per essere allestita secondo le necessità dal cliente. La scelta della carrozzeria rimane invariata fra la biposto 2 porte Single Cab e la Double Cab a 4 porte e 5 posti.

CAMBIO AUTOMATICO
Sulla 4x4 con cassone debutta il cambio automatico 5 marce, il noto INVECS-II di Mitsubishi controllato elettronicamente, auto-adattativo e con funzione sequenziale. Questa trasmissione è al momento disponibile per 1.500 euro solo sulla versione da 178 CV del motore diesel 2.5 Di-D. L'alternativa è rappresentata dalla 2.5 Di-D da 136 CV con cambio manuale 5 marce. Il consumo combinato si attesta sugli 8,1 l/100 km per la 136 CV, mentre la motorizzazione più potente si ferma a 8,3 l/100 km; poca differenza fra i due modelli anche nelle emissioni di CO2, pari rispettivamente a 215 e 218 g/km.

ALLESTIMENTI E PREZZI
Inform, Invite e Intense sono le versioni disponibili, tutte già dotate di ABS e climatizzatore. L'allestimento più economico è il Single Cab Chassis che per 21.900 euro offre cabina singola e nudo telaio posteriore, mentre con 22.500 euro si può avere la L200 SC Inform. All'altro estremo del listino c'è la Mitsubishi L200 DC Intense plus 178 CV automatica da 33.250 euro. L'intermedia e apprezzata Double Cab Invite ha invece un prezzo base di 26.950 euro.

Autore:

Tag: Novità , Mitsubishi , veicoli commerciali


Top