dalla Home

Mercato

pubblicato il 10 marzo 2010

Il maxi-richiamo costerà a Toyota 5 mld di dollari

Così gli analisti sui conti 2010, ma la cifra potrebbe aumentare

Il maxi-richiamo costerà a Toyota 5 mld di dollari

Il maxi richiamo Toyota per l'acceleratore difettoso costerà alla Casa automobilistica miliardi di dollari. Quanti esattamente lo si saprà col tempo, ma le stime stanno già arrivando. L'ultima è del Wall Street Journal che cita analisti secondo cui la vera sfida della casa giapponese sarà riconquistare il Nord America, il suo maggiore mercato, dove Toyota ha avviato un'aggressiva campagna di sconti. Il maxi-richiamo potrebbe avere un impatto fino a 5 miliardi di dollari sui conti della casa giapponese. La cifra dovrà coprire le campagne di incentivi, i costi legali e gli sforzi di marketing necessari per rilanciare il marchio.

Senza contare i risarcimenti: 3,36 miliardi di dollari, ovvero 2,6 miliardi di euro al cambio attuale. La somma è stata indicata da Tim Howard, docente dell'Università di Boston che coordina diverse cause contro la casa giapponese e che ha previsto un risarcimento di circa 600 dollari per ogni veicolo difettoso. Una cifra considerevole che potrebbe perfino aumentare, visto che il costruttore deve affrontare un sempre crescente numero di azioni giudiziarie collettive.

E poi ci sono l'Europa e l'Asia, due continenti importanti che potrebbero far aumentare il conto. Nel nostro Paese la campagna di informazione per rassicurare i clienti e i potenziali tali è già iniziata, ma non ne è dato sapere il costo e Toyota Italia non prevede cali di immatricolato in seguito al richiamo. In Asia invece si teme che l'impennata di vendite in Cina registrata lo scorso anno (+21%, mentre nel resto del mondo il mercato dell'auto precipitava del 13%) possa arrestarsi. Per questo Akio Toyoda, direttore generale della Toyota, è volato in Cina direttamente dagli Stati Uniti, dove ha parlato davanti al Congresso. Sebbene il numero di richiami nel paese asiatico sia stato molto esiguo (solo 75mila RAV4), il rappresentante della casa automobilistica ha detto, durante una conferenza stampa a Pechino: "Mi scuso sinceramente con il popolo cinese per aver causato preoccupazione e disagi in relazione ai richiami di vetture effettuati da Toyota nel mondo, Cina inclusa".

Autore:

Tag: Mercato , Toyota , richiami


Top