dalla Home

Mercato

pubblicato il 9 marzo 2010

Fatturato in calo per Automobili Lamborghini

Negativi i risultati dell’anno fiscale 2009, ma confermati gli obiettivi 2010

Fatturato in calo per Automobili Lamborghini

La crisi economica mondiale ha colpito nel 2009 anche Automobili Lamborghini, che però non si arrende e conferma il proprio impegno di lungo termine sullo sviluppo strategico. Ciò comporterà elevati investimenti nello sviluppo di nuovi modelli, nel rafforzamento della rete di concessionari nel mondo, nella promozione del marchio e nell'innovazione tecnologica. Tutti investimenti autofinanziati che vedranno Lamborghini impegnata nella presentazione di almeno un nuovo prodotto all'anno, come dimostra il lancio della nuova Lamborghini Gallardo LP 570-4 Superleggera al Salone di Ginevra.

Nel 2009 la Casa di Sant'Agata Bolognese ha registrato un calo di fatturato da 478,8 a 281 milioni di euro e le consegne in tutto il mondo, da gennaio a dicembre, sono diminuite del 37,7% rispetto allo stesso periodo del 2008, passando da 2.430 a 1.515 unità. Il forte calo della domanda è stato registrato su tutti i principali mercati causando, soprattutto in Europa e negli Stati Uniti. Inoltre la debolezza del dollaro, data l'importanza del mercato statunitense per Lamborghini, ha pesato in modo significativo sulla performance complessiva dell'azienda, che nei mesi scorsi ha ridotto la produzione e le consegne ai rivenditori.

Ciononostante, Automobili Lamborghini ha confermato il proprio impegno strategico. "La società mantiene una forte liquidità netta, che le consente di sostenere la propria strategia di lungo termine e tutti i progetti avviati", si legge in una nota che riporta le parole di Stephan Winkelmann, Presidente e Amministratore Delegato di Automobili Lamborghini: "Anche in un anno difficile come il 2009 siamo riusciti a mantenere il ritmo di sviluppo dei nuovi prodotti. Abbiamo aumentato i nostri programmi di investimento, confermando così il nostro impegno per una strategia di crescita a medio e a lungo termine".

Le previsioni per il 2010 sono ottimiste, sebbene è chiaro che il persistere della crisi economica durante l'anno in corso richiederà una grande disciplina nella gestione degli investimenti e dei costi correnti, adeguando sistematicamente i livelli di produzione agli sviluppi del mercato. "La flessibilità produttiva è resa possibile dalla presenza di contratti collettivi e dal pieno supporto delle Organizzazioni Sindacali", recita la nota. All'inizio dell'anno in corso, infatti, l'azienda ha adottato la "settimana corta", provvedimento che riguarda fino a 300 addetti dello stabilimento, e Lamborghini non esclude di fare ulteriore ricorso a questo strumento.

Autore:

Tag: Mercato , Lamborghini , immatricolazioni


Top