dalla Home

Novità

pubblicato il 3 marzo 2010

Mitsubishi ASX, debutta a Ginevra

Prima mondiale per il "piccolo Outlander" che arriverà in primavera

Mitsubishi ASX, debutta a Ginevra
Galleria fotografica - Mitsubishi ASXGalleria fotografica - Mitsubishi ASX
  • Mitsubishi ASX - anteprima 1
  • Mitsubishi ASX - anteprima 2
  • Mitsubishi ASX - anteprima 3
  • Mitsubishi ASX - anteprima 4
  • Mitsubishi ASX - anteprima 5
  • Mitsubishi ASX - anteprima 6

Guida alta, lunghezza sui quattro metri e carrozzeria via di mezzo fra fuoristrada e wagon: la formula del successo, almeno per il momento. L'enorme popolarità dei crossover scatenata dalla Nissan Qashqai ha ormai fatto scuola e sul segmento si sono concentrate le mire di tutti i costruttori, dai low cost (vedi Dacia Duster) ai premium (BMW X1). E chi era specializzato in auto di grandi dimensioni ha cominciato a fare fatica. Come Mitsubishi, che però ha approfittato del Salone di Ginevra per annunciare che cambierà rotta, mantenendo sempre il tradizionale DNA fuoristradistico (12 Dakar sono un patrimonio che nessuno può vantare), ma puntando su vetture più piccole e di volume.

PICCOLO OUTLANDER
La Mitsubishi ASX è una di queste, una segmento C già conosciuta dall'anno scorso in Giappone come "RVR" e destinata all'Europa a partire dalla primavera 2010. Il percorso che ha portato alla ASX è cominciato qualche anno fa con il concept cX presentato nel 2007 al Salone di Francoforte. Rispetto al prototipo, l'ASX è cresciuto: è lungo quasi 4,3 metri e pur condividendo lo stesso passo di 2,67 m è ben 34,5 cm più corto dell'Outlander del quale mantiene anche le stesse sospensioni, MacPherson all'avantreno e indipendenti al posteriore. Davanti domina la grande mascherina "jet" che ormai adottano quasi tutte le vetture della Casa dei Tre Diamanti, mentre posteriore e fiancata sono molto più sobri, così come gli interni che possono ospitare cinque passeggeri, mentre il bagagliaio misura 416 litri e gli schienali dei sedili posteriori sono reclinabili.

1.8 DIESEL 2WD E 4WD E 1.6 BENZINA 2WD
Tre le versioni disponibili al lancio. Il motore Euro 5 1.8 DiD da 1798 cc, 150 CV e 300 Nm di coppia sarà proposto con le trasmissioni 4x4 o 4x2 e abbinato al cambio manuale a 6 rapporti e al cosiddetto pacchetto "ClearTec" di Mitsubishi che comprende start/stop, filtro antiparticolato, servosterzo elettrico, frenata rigenerativa, fari posteriori a LED e pneumatici a bassa resistenza: permette di arrivare ad emissioni di CO2 pari a 145 g/km (150 la 4WD), per una accelerazione 0-100 km/h in 9,7 secondi e una velocità massima di 200 km/h.
Il motore benzina è la nuova unità DOHC MIVEC 1.6 da 16 valvole, uno sviluppo dell'unità da 1.5 litri installata sulla Colt. Con cambio manuale a 5 rapporti, una cilindrata di 1590 cc, 117 CV e 154 Nm emette 135 g/km di CO2 e permette di raggiungere 183 km/h.

ARRIVA IN PRIMAVERA
Fra gli equipaggiamenti di serie il modello entry level avrà radio CD con MP3, ingresso AUX e 4 altoparlanti, climatizzatore manuale, 7 airbag, sistema di controllo attivo della stabilità e di controllo della trazione. Per gli allestimenti più alti sono previsti climatizzatore automatico, sensori pioggia e crepuscolare, cruise control, volante multifunzione, videocamera posteriore per il parcheggio, connettività Bluetooth e USB, vetri oscurati, fari bi-xeno, apertura porte "keyless", pulsante di accensione/spegnimento del motore, rivestimenti in pelle e sistema di multicomunicazione Mitsubishi con navigatore.
I prezzi e le versioni però si conosceranno a ridosso del lancio previsto a maggio/giugno.

Scegli Versione

Autore:

Tag: Novità , Mitsubishi , auto giapponesi , ginevra


Top