dalla Home

Motorsport

pubblicato il 3 marzo 2010

F1: USF1 alza bandiera bianca, Stefan torna a sperare

Congelata l'iscrizione degli americani fino al 2011

F1: USF1 alza bandiera bianca, Stefan torna a sperare

Dopo mesi di voci sull'inconsistenza del progetto e della squadra, oggi l'avventura della USF1 nella stagione 2010 del mondiale di Formula 1 sembra essere arrivata veramente al capolinea: la situazione economica del team con base a Charlotte infatti pare davvero grave, al punto che il grande capo Ken Anderson ha chiesto alla FIA di congelare l'iscrizione della squadra fino al 2011. E' stato lo stesso Anderson a confermare la cosa ad Autosport: "Abbiamo chiesto alla FIA di tenere in sospeso la nostra iscrizione fino al 2011. Siamo in attesa della loro risposta e stiamo collaborando per trovare una soluzione. Nel frattempo abbiamo chiesto ai nostri dipendenti di fermare i loro lavori fino a quando non avremo una risposta definitiva".

La visita del direttore di gara Charlie Whiting in North Carolina non lasciava presagire nulla di buono ed infatti a pochi giorni di distanza è esplosa questa bomba. Whiting era stato inviato negli States dal presidente della Federazione, Jean Todt, con il compito di valutare le possibilità della squadra americana di presentarsi al primo Gp in Bahrein. Ora è chiaro però che se, ad appena nove giorni dalle prime prove libere della stagione, la monoposto non è ancora stata completata, sarà praticamente impossibile vedere la USF1 in gara tra due weekend. In questo scenario possono quindi tornare a sperare la Stefan Gp e Jacques Villeneuve. Se gli americani dovessero rinunciare, rimarrebbe un posto libero sulla griglia di partenza del 2010 e la squadra del magnate serbo Zoran Stefanovic dispone già di una monoposto completa, avendo acquistato il progetto dalla Toyota, che gli fornirà anche motore e cambio.

Non a caso, lo shakedown previsto per la settimana scorsa a Portimao, con Kazuki Nakajima (caldeggiato come seconda guida proprio dai giapponesi) al volante, non è andato in scena solamente perchè la squadra di Colonia non ha avuto la disponibilità della Bridgestone per ottenere gli pneumatici. Tra un paio di giorni comunque avremo la risposta, quando la FIA diramerà la entry list definitiva della stagione 2010: la Stefan, che proprio un paio di giorni fa ha realizzato il sedile per Villeneuve, a questo punto deve sperare solamente nell'ok della Federazione e della Fom di Bernie Ecclestone, che detiene i diritti commerciali dei Gp, visto che ormai gli americani sembrano tutt'altro che una minaccia.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Motorsport , formula 1


Top