dalla Home

Eventi

pubblicato il 1 marzo 2010

Salone di Ginevra 2010: il giorno prima

A spasso fra stand incompleti e lavori in corso alla vigilia dell'ottantesima edizione

Salone di Ginevra 2010: il giorno prima
Galleria fotografica - Salone di Ginevra 2010: backstageGalleria fotografica - Salone di Ginevra 2010: backstage
  • Salone di Ginevra 2010: backstage - anteprima 1
  • Salone di Ginevra 2010: backstage - anteprima 2
  • Salone di Ginevra 2010: backstage - anteprima 3
  • Salone di Ginevra 2010: backstage - anteprima 4
  • Salone di Ginevra 2010: backstage - anteprima 5
  • Salone di Ginevra 2010: backstage - anteprima 6

E' tutto pronto, anzi no. Il giorno prima l'apertura del Salone di Ginevra, dentro il Palexpo c'è un gran via vai di allestitori, tecnici, coreografi e addetti ai lavori di ogni genere. Tutti sono alle prese con le rifiniture dell'ultimo minuto dei rispettivi stand, sotto gli occhi ansiosi degli alti dirigenti delle Case automobilistiche che sfruttano i tempi morti per provare i discorsi che dovranno tenere l'indomani. Un backstage da grandi occasioni che mai come quest'anno consacra il "Salon de l'Auto de Geneve", come il più importante evento motoristico a livello mondiale. Lo capisci dal numero degli espositori, da quello delle auto "coperte" e dalla quantità di scritte "World premiere" che campeggiano fra gli stand...

Quando entri nella Hall 1 l'occhio cade innanzitutto sui due simboli del "made in Italy" motoristico, Ferrari e Maserati. Nello spazio espositivo dedicato al Cavallino Rampante spicca una Ferrari con carrozzeria verde vipera e tetto nero, rialzata lateralmente con un trespolo che consentirà ai visitatori di vedere il pianale del primo prototipo Ferrari dotato di propulsione ibrida.

Poco più in là ci sono le nuove Abarth su base 500C e Punto Evo e lo stand della Lotus, piccolo, ma prezioso: c'è la nuova Elise e il prototipo dell'Evora ibrida, la cui livrea bronzea è ancora in fase di lucidatura. Dove non ti fanno vedere nulla è invece in Casa Audi-Lamborghini: il perimetro dello stand è stato blindato con un telo nero, alto 5 metri e contornato da bodyguard a prova di curioso. Dietro si stanno tenendo le prove di reveal dell'attesissima A1 e del prototipo elettrico A1 e-tron.

Ci spostiamo verso le Hall 2 e 3 attraversando gli altri stand del Gruppo Volkswagen (Volkswagen, Skoda e Seat) che si presentano pronti e sigillati. Puntualità tedesca! All'opposto ci sono piccoli atelier, come Wiesmann, Koenigsegg, Pagani, Fornasari, dove c'è ancora tanto da fare per completare lo stand. In casi estremi, come Mansory o Hamann, non ci sono ancora le auto.

Passiamo alla Hall 5 dove c'è Ford, ancora intenta a parcheggiare le auto in esposizione (la nuova Focus e in particolare la versione Station Wagon, però è ancora nascosta), Mazda, Aston Martin e il Gruppo Fiat. Qui domani accadranno molte cose, a cominciare dalla presentazione in pompa magna di una novità attesissima dal mercato come l'Alfa Romeo Giulietta. Ma si parlerà molto anche del Gruppo torinese: per la prima volta i marchi Alfa e Fiat sono stati fisicamente affiancati da quelli del Gruppo Chrysler, Dodge e Jeep, mentre Chrysler e Lancia si sono uniti in un unico stand a mò di puzzle. Un altro stand su cui si accenderanno molti riflettori è quello della Nissan, dove sarà svelata la nuova generazione della Micra. Oggi l'auto c'è, ma è protetta con un telo a triplo strato...

Ma di cose da raccontare ne avranno anche i francesi di PSA Peugeot Citroen. Domani la Casa del Leone presenterà la 408 e il prototipo WZX mentre Citroen porterà al debutto la DS3 Racing e i prototipi DS High Rider e Survolt. A pochi metri di distanza MINI esporrà il SUV Countryman mentre BMW, in una scenografia all'insegna del motto "Efficient Dynamic", è pronta a presentare la nuova BMW Serie 5 in configurazione "ActiveHybrid". I concorrenti di Stoccarda risponderanno con l'avveniristico prototipo della Mercedes F800 Style che sarà affiancata da altre prime assolute come la E300 Hybrid BlueTec.

Queste e tantissime altre novità le potrete scoprire a partire da domani grazie alla diretta web che OmniAuto.it dedicherà come ogni anno al Salone di Ginevra. Vi aspettiamo!

Autore: Redazione

Tag: Eventi , ginevra


Top