dalla Home

Motorsport

pubblicato il 25 febbraio 2010

F1: la Red Bull mette paura a tutti a Barcellona

Mark Webber domina la prima giornata di test con un tempo impressionante

F1: la Red Bull mette paura a tutti a Barcellona

Se l'obiettivo era mettere paura alla concorrenza, la Red Bull ci è riuscita in pieno nella prima giornata di test collettivi di Formula 1 a Barcellona. In configurazione da qualifica infatti Mark Webber ha portato la RB6 ad un livello di prestazioni irraggiungibile per tutto il resto della truppa. In mattinata l'australiano ha fatto diversi stint con poco carburante a bordo ed ha realizzato un tempo di 1'21"487, rifilando circa un secondo al più vicino degli inseguitori. Ma anche in assetto da gara la vettura della squadra di Milton Keynes sembra aver fatto dei passi da gigante rispetto ai test di Jerez, nonostante un piccolo inconveniente tecnico abbia anche costretto Webber ad abortire una simulazione di gara dopo appena 26 giri.

Alle sue spalle, quello che è riuscito ad avvicinarsi più di tutti è stato Nico Hulkenberg, che nel tardo pomeriggio ha completato diverse simulazioni di qualifica, portando il limite della sua Williams FW32 ad un tempo di 1'22"407, che gli ha permesso di inserirsi davanti a Nico Rosberg. La Mercedes Gp ha deciso di posticipare al Gp del Bahrein l'esordio del nuovo diffusore posteriore che dovrebbe mettere a posto il bilanciamento della W01, dunque oggi il pilota tedesco si è concentrato soprattutto sul lavoro con il serbatoio pieno, senza cercare troppo la prestazione pura, anche se il riscontro del cronometro è stato senza dubbio interessante.

Si conferma sempre veloce anche la BMW Sauber, quarta con Pedro de la Rosa, ma staccata di quasi due secondi da Webber. Due secondi pieni invece li ha presi il campione del mondo Jenson Button, ma la cosa incoraggiante è che il pilota della McLaren ha ottenuto il suo miglior crono di giornata nel bel mezzo di uno stint lungo, dopo ben 11 giri. In crescita la Force India che ha centrato il sesto tempo con Vitantonio Liuzzi: una delle curiosità della giornata l'ha regalata proprio la squadra di Vijay Mallya, facendo davvero tante simulazioni di pit stop.

Dopo tante sessioni positive, quella di oggi è stata un po' tribolata per la Ferrari, con Fernando Alonso che ha perso buona parte della mattinata a causa di un problema elettrico che ha colpito la sua F10. Dopo la pausa pranzo lo spagnolo ha messo insieme oltre 50 giri, ma non è mai andato alla ricerca della prestazione, preferendo lavorare sulla configurazione da gara. Per questo quindi ha chiuso in settima piazza, ad oltre due secondi e mezzo da Webber.

Giornata tranquilla per Vitaly Petrov e Jaime Alguersuari, rispettivamente ottavo e nono, mentre la Virgin ha continuato a faticare nello sviluppo della VR-01: Lucas di Grassi si è reso protagonista di un incidente alla Curva 9 poco prima della pausa pranzo, andando ad impattare le protezioni con il retrotreno. Purtroppo la squadra non disponeva dei ricambi per completare le operazioni di riparazione sulla monoposto, quindi la sua sessione è terminata con appena 31 giri all'attivo. La speranza è di riuscire a tornare in pista domani.

Nonostante tutti questi piccoli inconvenienti, la Virgin però pare per ora avere un passo decisamente migliore rispetto a quello dell'altra debuttante, cioè la Lotus: anche oggi Fairuz Fauzy si è ritrovato a chiudere la classifica, staccato di poco meno di un secondo da di Grassi.

Di seguito i tempi della prima giornata di test:
1. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'21"487 - 109 giri
2. Nico Hulkenberg - Williams-Cosworth - 1'22"407 - 81
3. Nico Rosberg - Mercedes Gp - 1'22"514 - 107
4. Pedro de la Rosa - BMW Sauber-Ferrari - 1'23"144 - 73
5. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'23"452 - 100
6. Vitantonio Liuzzi - Force India-Mercedes - 1'24"064 - 64
7. Fernando Alonso - Ferrari - 1'24"170 - 74
8. Vitaly Petrov - Renault - 1'24"173 - 73
9. Jaime Alguersuari - Toro Rosso-Ferrari - 1'24"869 - 111
10. Lucas di Grassi - Virgin-Cosworth - 1'27"057 - 31
11. Fairuz Fauzy - Lotus-Cosworth - 1'28"002 - 76

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Motorsport , formula 1 , piloti


Top