dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 25 febbraio 2010

Lotus Evora 414E Hybrid concept

Un ibrido plug-in in serie e tante soluzioni originali per sentirsi davvero dentro una sportiva

Lotus Evora 414E Hybrid concept
Galleria fotografica - Lotus Evora 414E Hybrid conceptGalleria fotografica - Lotus Evora 414E Hybrid concept
  • Lotus Evora 414E Hybrid concept - anteprima 1
  • Lotus Evora 414E Hybrid concept - anteprima 2
  • Lotus Evora 414E Hybrid concept - anteprima 3
  • Lotus Evora 414E Hybrid concept - anteprima 4
  • Lotus Evora 414E Hybrid concept - anteprima 5
  • Lotus Evora 414E Hybrid concept - anteprima 6

Lotus continua a ritmi serrati la propria rinascita e, accanto alla Elise rinnovata e alla Proton con il range extender disegnata da Giugiaro, presenterà al Salone di Ginevra la Evora 414E Hybrid concept, un dimostratore che dimostra le potenzialità prestazionali della propria piattaforma ibrida denominata VVA (Versatile Vehicle Architecture). L'ibrido è del tipo plug-in con un motore a scoppio 3 cilindri 1,2 litri estremamente semplice da costruire dal peso di soli 85 kg con due valvole per cilindro e collettori integrati nel monoblocco. Può funzionare bruciando anche alcool e gira a 3.500 giri/min costanti per rifornire batterie agli ioni di litio da 17 kWh le quali, a loro volta, alimentano due motori elettrici da 207 CV e 400 Nm, uno per ogni ruota posteriore per un totale di 414 CV, numero che legittima la denominazione della vettura e che vuol dire, in termini di prestazioni pure, un'accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di 4 secondi.

Le batterie possono essere ricaricate dalla presa domestica e assicurano un'autonomia in modalità solo elettrica di 35 miglia (56 km), dopo di ché parte il motore a scoppio per produrre altra energia elettrica ed un'autonomia combinata di 300 miglia (483 km). Il tutto è controllato dall'elettronica che, sfruttando la risposta immediata dei motori elettrici, li utilizza allo stesso tempo come un controllo elettronico della stabilità e un differenziale di tipo attivo. In questo modo, modulando la coppia su una o sull'altra ruota in modo opportuno, viene facilitato l'inserimento in curva e migliorata la stabilità sia sulle curve veloci, sia in rettilineo permettendo anche di adottare per le sospensioni posteriori geometrie più favorevoli per la scorrevolezza degli pneumatici riducendo la resistenza all'avanzamento e il consumo del battistrada. E fin qui niente di sconvolgente.

Decisamente più inusuale è il sistema HALOsonic, sviluppato da Lotus in collaborazione con Harman International per ricreare sia all'esterno che all'interno il suono di un V12 o un V8, ma anche quello di un mezzo avveniristico e la commistione di quest'ultimo con un motore normale. In questo modo si salvaguarda la sicurezza dei pedoni, ma anche la sensazione di guidare una vera auto sportiva. Per accrescerla ancora di più, la Lotus ha creato persino un cambio virtuale, ovvero un dispositivo che, attraverso le levette dietro al volante, simula la presenza di 7 rapporti e quando si scala, fa salire la coppia negativa del motore per massimizzare il recupero dell'energia. Il tutto accompagnato dal tipico cambio di rumore che si avverte in queste situazioni. Un'idea geniale, così come quella di adottare un tetto in vetro che mette in mostra i componenti del gruppo ibrido con fregi che riproducono i circuiti di un circuito stampato, in tinta con la carrozzeria e le pinze dei freni verniciate in colore rame, esaltate dai cerchi forgiati in grigio carbonio. Modifiche anche agli interni, ma solo nei materiali, con l'aggiunta di Alcantara e metallo.

Galleria fotografica - Lotus al Salone di Ginevra 2010Galleria fotografica - Lotus al Salone di Ginevra 2010
  • Lotus al Salone di Ginevra 2010 - anteprima 1
  • Lotus al Salone di Ginevra 2010 - anteprima 2
  • Lotus al Salone di Ginevra 2010 - anteprima 3
  • Lotus al Salone di Ginevra 2010 - anteprima 4
  • Lotus al Salone di Ginevra 2010 - anteprima 5
  • Lotus al Salone di Ginevra 2010 - anteprima 6

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Prototipi e Concept , Lotus , ginevra , auto ibride


Top