dalla Home

Mercato

pubblicato il 15 febbraio 2010

Il 2009 Ferrari si chiude a -5%

6.250 le vetture consegnate lo scorso anno contro un 2008 da record

Il 2009 Ferrari si chiude a -5%
Galleria fotografica - Ferrari 458 ItaliaGalleria fotografica - Ferrari 458 Italia
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 1
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 2
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 3
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 4
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 5
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 6

Il 2008 per Ferrari era stato l'anno dei record, ma di fronte ad un mercato dell'auto sportiva in calo secondo Maranello del 35%, le vendite del 2009 hanno subito una contrazione del 5%, con 6.250 vetture consegnate. Sono i dati presentati al Consiglio di Amministrazione di Ferrari SpA che si è riunito quest'oggi sotto la Presidenza di Luca di Montezemolo per esaminare i dati di chiusura dello scorso anno.

Il mercato del Cavallino ha visto il Nord America quale miglior acquirente con 1.467 vetture consegnate, circa 200 in meno rispetto allo scorso anno. L'Europa, con 2.752 vetture consegnate, ha subito un calo complessivo del 6%, con Italia e Germania ancora una volta mercati principali della regione con rispettivamente 655 e 644 vetture. Risultati positivi per le aree emergenti, Medio Oriente in particolare con un aumento del 29% e 471 unità. Nella regione Asia Pacifico la crescita è stata del 3% con 1.117 vetture. La Cina conferma il suo potenziale con 206 unità, mentre il Giappone è stabile nei primi 5 Paesi al mondo con l'8% delle consegne totali. La forte contrazione del mercato globale ha fatto comunque sì che la quota di mercato della Ferrari crescesse in tutti i Paesi, con un aumento medio a livello mondiale del 10%.

Sul fronte del prodotto le risposte migliori del 2009 si sono avute dalla Ferrari California, che ha attirato per il 60% nuovi clienti del marchio, mentre l'ultima arrivata 458 Italia deve ancora dire la sua, dal momento che le consegne sono appena iniziate.

In termini di fatturato consolidato, il 2009 si è chiuso con 1.778 milioni di euro (-7%) e un risultato operativo di 245 milioni di euro, contro i 341 milioni dello scorso anno, risultati che Luca di Montezemolo ha commentato così: "Aver raggiunto questi risultati in un contesto economico estremamente difficile è la miglior conferma della qualità e dell'impegno di tutte le persone della Ferrari e della nostra strategia fatta di innovazione ed esclusività. Queste sono le linee guida che ci permetteranno di affrontare anche il 2010: un anno molto difficile, dove i primi deboli segnali di ripresa non sono ipotizzabili prima del prossimo autunno".

Autore:

Tag: Mercato , Ferrari , auto ibride


Top