dalla Home

Curiosità

pubblicato il 15 febbraio 2010

Nuovo Nissan Patrol

La settima generazione diventa più sofisticata e potente, ma è solo per Asia e Oceania

Nuovo Nissan Patrol
Galleria fotografica - Nuovo Nissan PatrolGalleria fotografica - Nuovo Nissan Patrol
  • Nuovo Nissan Patrol - anteprima 1
  • Nuovo Nissan Patrol - anteprima 2
  • Nuovo Nissan Patrol - anteprima 3
  • Nuovo Nissan Patrol - anteprima 4
  • Nuovo Nissan Patrol - anteprima 5
  • Nuovo Nissan Patrol - anteprima 6

L'offensiva di Nissan prosegue su tutti i fronti, anche su quello dei fuoristrada classici del marchio giapponese come il Patrol che è stato presentato ad Abu Dhabi nella sua settima generazione in occasione del suo sessantesimo anno di vita. Da anni non è più presente sul nostro mercato, relegato solo a quelli asiatici e dell'Oceania, eppure il mito del Patrol è ancora vivo in molti appassionati di fuoristrada anche se è diventato un prodotto assai diverso da come lo conoscevamo, meno spartano e decisamente più lussuoso. Non a caso il nuovo Patrol è derivato dalla piattaforma della Infiniti QX56 e ha un motore ancora più sofisticato e potente: un poderoso V8 5.6 provvisto di iniezione diretta e distribuzione con sistema di fasatura e alzata variabile delle valvole. Eroga ben 400 CV e 550 Nm ed è collegato ad un cambio automatico a 7 rapporti con riduttore. Insomma, il nuovo Patrol è ben lontano dal fuoristrada duro e puro che conoscevamo.

L'estetica esprime a pieno questo salto con una parte esterna levigata, nella quale spiccano i montanti anteriori scuri che sembrano unire il parabrezza e la finestratura laterale per un effetto veranda che inevitabilmente ricorda le Range Rover. Ma la Patrol è ancora più lussuosa nell'abitacolo a 7 posti che è davvero degno di un'Infiniti per la ricchezza dei materiali (legno, alluminio e pelle) e la raffinatezza dei colori, oltre che nelle dotazioni e soluzioni. Una tra questa è la "curtain vent" (letteralmente: ventilazione a tenda), ovvero file di piccole ventole che soffiano in corrispondenza dei vetri laterali in modo da creare una specie di intercapedine d'aria che tiene fresco l'abitacolo.

Simili a quelli delle Land Rover anche i sistemi di controllo per la guida in fuoristrada con la trazione integrale ALL MODE 4x4 di nuovo tipo,dotata di differenziali elettronici, che può essere impostata per la guida su asfalto, roccia, sabbia e fango e la funzione sullo schermo tattile da 8 pollici che consente di tenere sotto controllo la ripartizione della coppia su ogni singola ruota. Le sospensioni sono indipendenti sulle 4 ruote con molle pneumatiche e Hydraulic Body Motion Control System ovvero barre di torsione attive che riducono il rollio in curva, ma facilitano l'assorbimento e l'escursione ruota in fuoristrada. Ci sono naturalmente anche sistemi che regolano la frenata in discesa e facilitano la partenza in salita.

La Patrol rimarrà purtroppo esclusiva dei paesi orientali e "down under" per non pestare i piedi sugli altri mercati ad altri modelli Nissan e Infiniti, ma gli elementi del suo stile, già visti su altri modelli del gruppo, li rivedremo sicuramente sul prossimo Pathfinder che, del resto, condivide con la QX56 e la nuova Patrol, la piattaforma F-Alpha. Occorrerà però aspettare altri due anni.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Curiosità , Nissan , auto giapponesi


Top