dalla Home

Motorsport

pubblicato il 11 febbraio 2010

Porsche 911 GT3 R Hybrid

Al Salone di Ginevra debutta la 911 ibrida che correrà alla 24 Ore del Nurburgring

Porsche 911 GT3 R Hybrid
Galleria fotografica - Porsche 911 GT3 R HybridGalleria fotografica - Porsche 911 GT3 R Hybrid
  • Porsche 911 GT3 R Hybrid - anteprima 1
  • Porsche 911 GT3 R Hybrid - anteprima 2
  • Porsche 911 GT3 R Hybrid - anteprima 3
  • Porsche 911 GT3 R Hybrid - anteprima 4
  • Porsche 911 GT3 R Hybrid - anteprima 5
  • Porsche 911 GT3 R Hybrid - anteprima 6

Ci saranno sempre più ibride nel motorsport? A parte il KERS accantonato dalla Formula 1 pare proprio di sì perchè le proposte di vari costruttori (Citroen, Ginetta, Lexus, Peugeot) non mancano. Fra queste approda ora una delle auto più vittoriose nella storia delle competizioni: la Porsche 911.

Fa il suo debutto al Salone di Ginevra (4-14 marzo) la Porsche 911 GT3 R Hybrid, ovvero la prima 911 ibrida della storia. Una storia che parte però da più di un secolo, dal momento che Ferdinand Porsche fu il primo a inventarsi una vettura che si muovesse con trazione elettrica e termica insieme, la Lohner-Porsche "Semper Vivus" del 1900 della Lohner & Co. di Vienna. Questa prima Porsche ibrida è però riservata alle competizioni e deriva dalla appena rinnovata 911 GT3 R. Adotta lo stesso motore 4.0 litri sei cilindri boxer da 480 CV, ma differisce per il sistema ibrido adottato che la trasforma in una quattro ruote motrici. Il modulo ibrido è infatti composto da due motori elettrici da 60 kW ciascuno alloggiati sull'asse anteriore e alimentati non da batterie, ma da un generatore a volano brevettato da Williams posizionato all'interno vicino al pilota.

Il rotore del volano accumula energia durante le fasi di frenata trasformando l'energia cinetica della propria rotazione (può raggiungere fino a 40.000 giri) in energia elettrica che può essere sfruttata dal pilota in fase di sorpasso o di uscita di curva tramite un pulsante per avere una accelerazione aggiuntiva della durata variabile da 6 a 8 secondi. Secondo Porsche il vantaggio si traduce anche in un minore consumo di carburante che può consentire di effettuare meno pitstop e di avere serbatoi di carburante meno capienti e pesanti. Il sistema verrà provato alla prossima 24 Ore del Nurburgring (15-16 maggio), dove la 911 GT3 R Hybrid lotterà per la vittoria finale.

Autore:

Tag: Motorsport , Porsche


Top