dalla Home

Motorsport

pubblicato il 4 febbraio 2010

Ecco la nuova Formula 2

Nei primi test è stata decisamente più veloce della sua antenata

Ecco la nuova Formula 2
Galleria fotografica - Formula 2 - 2010Galleria fotografica - Formula 2 - 2010
  • Formula 2 - 2010 - anteprima 1
  • Formula 2 - 2010 - anteprima 2
  • Formula 2 - 2010 - anteprima 3
  • Formula 2 - 2010 - anteprima 4
  • Formula 2 - 2010 - anteprima 5
  • Formula 2 - 2010 - anteprima 6

Questa mattina gli organizzatori della Formula 2 hanno svelato le prime immagini della nuova monoposto realizzata dalla Williams per la stagione 2010. Come si può notare subito la JPH1B F2, che è già scesa in pista con ottimi risultati a Barcellona e a Portimao, presenta diverse novità rispetto alla sua antenata. Saltano subito agli occhi le ciminiere inserite nella parte superiori delle pance, ma anche le modifiche alle prese d'aria anteriori di queste ultime.

Completamente rinnovata anche l'ala posteriore, ridisegnata per aumentare il carico aerodinamico massimo. A tutto questo va aggiunto anche un leggero incremento della potenza che, abbinato ad una sensibile riduzione del peso, va a migliorare il rapporto peso/potenza. Infine, non va sottovalutato l'aumento delle dimensioni dei pneumatici anteriori, che dovrebbe consentire di ridurre al minimo il sottosterzo.

Il cronometro per ora sembra dare ragione a tutte queste novità, visto che a Barcellona il campione in carica Andy Soucek ha abbassato di oltre due secondi i suoi tempi rispetto a quelli che aveva ottenuto nella passata stagione (1'35"770 contro 1'38"163). Ma il dato più eclatante è stato ottenuto a Portimao, dove il pilota spagnolo è riuscito a battere di circa tre decimi la pole position 2009 della World Series Renault 3.5, una monoposto che 12 mesi fa pareva decisamente più competitiva rispetto alla neonata Formula 2.

"Sono stati apportati tanti miglioramenti alla vettura" ha spiegato Soucek, che in qualità di campione è stato scelto come collaudatore ufficiale per la categoria. "Ora ha più potenza, meno peso ed una maggiore penetrazione aerodinamica. Vederla così veloce fin da subito mi ha impressionato molto perchè abbiamo incontrato temperature molto basse e tracciati poco gommati. Nel complesso la vettura sembra molto simile a quella dell'anno scorso, ma alla guida l'effetto dei miglioramenti aerodinamici ed il grip extra si sentono davvero tanto".

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Motorsport , piloti


Top