dalla Home

Motorsport

pubblicato il 4 febbraio 2010

BMW Art Cars: la prossima a Jeff Koons

L'artista sarà il prossimo a firmare la collezione speciale della Casa bavarese

BMW Art Cars: la prossima a Jeff Koons
Galleria fotografica - BMW Art Cars 2010Galleria fotografica - BMW Art Cars 2010
  • BMW Art Cars 2010 - anteprima 1
  • BMW Art Cars 2010 - anteprima 2
  • BMW Art Cars 2010 - anteprima 3
  • BMW Art Cars 2010 - anteprima 4
  • BMW Art Cars 2010 - anteprima 5
  • BMW Art Cars 2010 - anteprima 6

Fra BMW e gli USA dal 1975 ad oggi c'è un legame che solo apparentemente col mondo dell'auto c'entra poco: l'arte contemporanea. Tutto nacque quando il pilota francese Hervé Poulain all'inizio degli anni '70 ebbe l'idea di lasciare ad un artista via libera su un'automobile. Scelse Alexander Calder per la personalizzazione della sua BMW 3.0 CSL da usare in gara, avviando la collezione BMW Art Cars che ad oggi si compone di 16 vetture firmate da grandi nomi dell'arte contemporanea.

Il prossimo sarà Jeff Koons, artista americano fra i più quotati ed apprezzati al mondo e conosciuto in Italia soprattutto per essere stato l'ex marito di Ilona Staller, con la quale ebbe una lunga disputa al momento della separazione. Non si sa ancora con quale modello Koons si cimenterà, ma una delle ipotesi più probabili potrebbe essere la nuova Serie 5 o la M1 Hommage, la concept car presentata a Villa d'Este nel 2008 come omaggio alla BMW M1. Koons è infatti considerato uno degli eredi ideali di Andy Warhol e il re della pop-art fu proprio colui che nel firmò nel 1979 la "Art Car" più celebre, una M1 che si distingueva nella folta griglia di partenza della Le Mans, alla quale hanno partecipato anche la 3.0 CSL firmata da Frank Stella (1976), la 320I Gruppo 5 di Roy Liechtenstein (1977) e più recentemente la V12 LMR personalizzata da Jenny Holzer, la vettura dell'unica vittoria della Casa bavarese sulla Sarthe.

Unica BMW firmata da un artista italiano è la BMW M3 GTR del 1992 realizzata nel 1992 da Sandro Chia, ma dagli anni '80 in poi la collezione BMW Art Cars si è aperta anche alla produzione di serie, a partire dalle BMW 635 Csi di Ernst Fuchs nel 1982 e Robert Rauschenberg nel 1986. Ultima della serie la BMW H2R project, il prototipo a idrogeno già detentore di diversi record che è stato affidato nel 2007 alla fantasia di Olafur Eliasson.

Autore:

Tag: Motorsport , car design


Top