dalla Home

Mercato

pubblicato il 3 febbraio 2010

Saab tornerà in utile entro il 2012

E' la promessa di Spyker, ma c'è bisogno di "aiuto"

Saab tornerà in utile entro il 2012
Galleria fotografica - Nuova Saab 9-5Galleria fotografica - Nuova Saab 9-5
  • Nuova Saab 9-5. Foto ufficiali - anteprima 1
  • Nuova Saab 9-5. Foto ufficiali - anteprima 2
  • Nuova Saab 9-5. Foto ufficiali - anteprima 3
  • Nuova Saab 9-5. Foto ufficiali - anteprima 4
  • Nuova Saab 9-5. Foto ufficiali - anteprima 5
  • Nuova Saab 9-5. Foto ufficiali - anteprima 6

Il "salvataggio" di Saab è costato a Spyker 74 milioni di dollari in contanti versati a GM, che manterrà parte della proprietà con l'acquisizione di quote privilegiate per un ammontare di 326 milioni di dollari sul capitale del nuovo gruppo, la "Saab Spyker Automobiles".

Tuttavia, la strada per la rinascita del celebre marchio svedese, che dopo anni di attività un po' all'ombra di Opel si è riscoperto amatissimo, come testimoniato dalle numerose manifestazioni e appelli piovuti all'indirizzo di GM da un po' tutto il mondo, è tutta'ltro che in discesa. La transazione è soggetta ad un "prestito ponte" di 400 milioni di euro forniti dalla Banca Europea per gli Investimenti, con la garanzia del Governo di Stoccolma, e tutti i dettagli verranno perfezionati a metà febbraio. Inoltre, sebbene il costruttore di auto di lusso olandese abbia annunciato il ritorno all'utile entro il 2012, "il business plan di Saab ha bisogno fino a un miliardo di dollari di finanziamento prima del ritorno al profitto", si legge in un comunicato Spyker.

Il miliardo di euro servirebbe per riposizionare il marchio svedese in un mercato di nicchia con la 9-3, la 9-5 e la 9-4X, da vendere sia in Europa che negli Stati Uniti. Probabile inoltre il debutto sul mercato di un quarto modello (la 9-1) che però non è ancora inserito nel piano industriale e per il quale occorrerebbero ulteriori finanziamenti. Altro obiettivo aziendale è aumentare la produzione di Saab a livelli pre crisi, fino ad arrivare a 125.000 vetture l'anno, fra cui la 9-4x costruita in Messico.

"Cerchiamo pertanto qualcuno che creda in noi. Nel frattempo abbiamo ipotecato alcuni nostri asset per garantire l'impegno con GM", ha detto un portavoce della società, riferendosi al fatto che Spyker sta cercando un investitore che finanzi un terzo dei 74 milioni di dollari (circa 52 milioni di euro) necessari a completare l'acquisto. La liquidità per completare la transazione è infatti un altro ostacolo da superare. Finora sono stati spesi circa 40 milioni di euro - poco meno di 20 presi in prestito e 20 derivanti dall'emissione di azioni - e "Spyker è in contatto con molti investitori", ha concluso il portavoce.

Autore:

Tag: Mercato , Saab , auto europee


Top